11 dicembre 2016

Roma – Il Movimento 5 Stelle chiede al Vaticano di aiutare l’amministrazione capitolina a riparare le scuole

Posto che la copertura degli interventi per l’edilizia scolastica non si trova anche per ragioni legate al patto di stabilità interna, mentre al contrario tale vincolo non impedisce di continuare ad erogare i predetti servizi o, peggio, non determina l’avvio della riscossione sul dovuto, il M5S Roma ha lanciato una proposta all’indirizzo del nuovo assessore: anche in vista dell’imminente Giubileo della Misericordia, che vedrà impegnate le finanze pubbliche, locali e statali, il M5S Roma vorrebbe chiedere al Vaticano di aiutare i romani, rinunciando per un solo anno alla percezione dei predetti servizi e consentendo così, all’amministrazione capitolina, di trovare finalmente le risorse necessarie a mettere in sicurezza tutti gli edifici scolatici romani.

Ieri in Aula Giulio Cesare, alla presenza del nuovo assessore al bilancio Causi, il gruppo abbiamo illustrato, per l’ennesima volta, i risultati del lavoro della Commissione revisione della spesa ed abbiamo segnalato che i costi complessivi necessari al rifacimento degli edifici scolastici romani, pari a circa 400 milioni di Euro, corrispondono esattamente all’ammontare dei costi relativi a servizi, non dovuti, forniti annualmente dall’amministrazione al Vaticano e ad entrate non riscosse quali, ad esempio, IMU-ICI: è recente, infatti, la sentenza della Corte di Cassazione che accerta che anche le scuole religiose paritarie, effettuando un’attività commerciale, devono pagare.