5 dicembre 2016

In Commissione Bilancio esame con l’assessore Palma della manovra di Bilancio 2015

In Commissione Bilancio l’assessore Salvatore Palma ha illustrato la manovra di bilancio di previsione 2015 che è all’ordine dei lavori del Consiglio Comunale convocato per il 30 e 31 luglio.

Come ha sottolineato il presidente della Commissione, Elpidio Capasso, nell’aprire i lavori, un ulteriore approfondimento della delibera sul Bilancio di Previsione 2015 e delle delibere collegate sarà fatto nella riunione prevista per domani nella quale i revisori dei Conti illustreranno il proprio parere sulle delibere.
L’assessore Palma ha, nella propria relazione, premesso che sul 2015 ci sono ricadute delle importanti riforme intervenute nel campo delle finanze comunali: innanzitutto il Piano di Riequilibrio Pluriennale del Comune, poi la Legge Finanziaria 2014 che obbliga al consolidamento, cioè alla costituzione di fondi per ripianare le perdite della società partecipate, infine il decreto legislativo 118/2011, ora trasfuso nel decreto 126/2014 (entrato in vigore dal 1° gennaio 2015) che impone l’armonizzazione dei bilanci con quelli degli altri Paesi europei e il criterio della competenza potenziata per il quale non si può programmare nessun intervento che non abbia certezza nella copertura della spesa. Il contesto nel quale è stato elaborato questo schema di bilancio, inoltre, è quello che ha visto una ulteriore riduzione dei trasferimenti statali (complessivamente, dal 2011, il Comune di Napoli ha perso 183 milioni).
In ogni caso, ha continuato l’assessore, il Comune arriva al bilancio di previsione 2015 avendo corretto tutte le patologie che avevano portato al disavanzo di 850 milioni accertato quando è stato elaborato il Piano Pluriennale di Riequilibrio. Sono state infatti ridotte le spese per il personale, è stato raggiunto l’equilibrio di parte corrente, sono stati ridotti progressivamente i debiti fuori bilancio, sono state ridotte le spese per servizi, sono stati ricostituiti i fondi vincolati, infine, è stata portata ad una percentuale di quasi il 30% (dal 22%) la copertura dei servizi a domanda individuale. Importanti sono stati anche gli interventi volti a evitare gli sprechi, e tra questi, particolarmente significativo quello sulla refezione scolastica. Ad oggi, il disavanzo da riequilibrio, da riassorbire in 10 anni, è di 205 milioni (in partenza, al momento del varo del Piano di Riequilibrio, si trattava di 850 milioni). A questo disavanzo, va aggiunto un ulteriore disavanzo derivante dall’operazione straordinaria di riaccertamento dei residui, imposto dal decreto 118 sull’armonizzazione, che dovrà essere ripianato in 30 anni. Se andrà a buon fine un emendamento elaborato in sede ANCI, anche il disavanzo da riequilibrio potrà essere ripianato in 30 anni. In questo caso, potrebbe essere conveniente uscire anticipatamente dal Piano di Riequilibrio, evitando così i forti vincoli che questo pone al Comune come l’applicazione delle aliquote massime nelle leve fiscali e l’impossibilità di investire sullo sviluppo stipulando mutui. Elemento di risanamento del bilancio comunale è anche il Piano sulle partecipate che, con il completamento della Napoli Holding, nella quale entrerà anche Asìa, vedrà una complessiva razionalizzazione del sistema e un risparmio di spesa con la salvaguardia dei posti di lavoro. In risposta ad alcune perplessità dei consiglieri, l’assessore Palma ha spiegato che l’integrazione di Asìa nella Holding comunque salvaguarda l’autonomia della partecipata e il controllo analogo da parte del Comune. Ultimo elemento di novità esposto dall’assessore Palma è quello del progetto di una agenzia di riscossione del Comune che subentrerà alla Equitalia, in scadenza come concessionario, e che consentirà, nella visione strategica di una
sempre maggiore autonomia delle finanze comunali e maggiori entrate tributarie. Comunque, ha aggiunto, per la prima volta nel bilancio ci sono circa 35 milioni (stima prudenziale) derivanti dalla lotta all’evasione.
L’assessore ha quindi riassunto le politiche tariffarie e tributarie contenute nelle delibere di accompagnamento al Bilancio, soffermandosi sulle principali novità introdotte: per l’IMU la previsione di riduzioni per chi, sia riguardo ad abitazioni (meno 15%) che a locali commerciali (meno 20%), aderisce a canoni concordati e con una aliquota del 6,6 per mille se si tratta di giovani coppie; per la TASI (la cui aliquota resta al 3,3 per 1000) è stata recepita la normativa nazionale per i “beni merce” (cioè per gli immobili invenduti) con una aliquota fissata al 2,5 per 1000; per TARI, con l’ulteriore diminuzione del costo del servizio svolto da Asia, nel 2015 si avrà una generale riduzione della tariffa di circa il 2%, mentre per le categorie che erano state particolarmente penalizzate dalla prima applicazione della TARI (ristoranti, alberghi, ortofrutta, fiorai ecc.), ci saranno riduzioni dal 10 al 15%, nentre per le associazioni senza scopo di lucro che presentano progetti la riduzione potrebbe essere fino al 50%. Una ulteriore novità, annunciata dall’assessore, è quella dell’introduzione di un “canone forfettario non ricognitorio” per il quale i grandi fornitori e le società che occupano suolo pubblico per i loro cantieri (ad esempio per i sottoservizi) dovranno corrispondere un canone al Comune che, secondo lo studio fatto, potrebbe a regime ricavare 10 milioni all’anno.
I consiglieri sono intervenuti sia per chiedere chiarimenti in merito a questioni particolari – Varriale sul cespite da assegnare ad Asia in sostituzione di quello erroneamente conferito nell’ambito del PRU di Soccavo; Frezza sull’incidenza sulle politiche dei trasporti dei tagli preannunciati e sulla efficacia della lotta all’evasione. Altri consiglieri hanno affrontato più in generale la politica di bilancio osservando: la difficoltà creata ai consiglieri dal metodo con il quale vengono messi a disposizione i materiali necessari e, sul tema delle tariffe, l’approssimazione con la quale sono state predisposte le previsioni di entrata, ad esempio sul San Paolo (Gennaro Esposito); che sarebbe opportuna una autocritica da parte dell’amministrazione comunale su alcuni aspetti particolarmente fallimentari, come la mancata dismissione del patrimonio, e su alcune questioni sottovalutate, come i contenziosi dormienti a seguito del rientro dai fitti passivi, mentre non è opportuno che Asìa sia inglobata nella Holding, soprattutto se deve proiettarsi in ambito metropolitano (Borriello); che i documenti presentano notevoli e diffuse incongruenze nel contesto di un bilancio che si limita a perpetuare i tagli senza introdurre nessun elemento di programmazione (Moretto); che occorre valutare quanto i tagli imposti dal Governo incidano in misura maggiore su Napoli piuttosto che su altri Comuni e che la scelta di inglobare Asìa in Napoli Holding sia opportuna proprio in vista delle possibilità di sviluppo che contiene (Coccia); che occorre insistere sul processo di razionalizzazione delle partecipate salvaguardando la gestione pubblica dei servizi e che maggiori risorse debbono essere appostate su settori particolari, come quello dei trasporti pubblici e dell’igiene ambientale, oltre che continuare ad investire sul decentramento e sulle Municipalità (Parisi); che il bilancio presentato, tra l’altro con un forte ritardo che mal si concilia con l’esigenza di realizzare politiche e progetti nell’ultimo anno di amministrazione, e senza una preventiva consultazione sui principi con i consiglieri, ha il carattere di una bozza sulla quale si sta continuando a lavorare e che dovrà necessariamente essere integrata in Consiglio sia da emendamenti tecnici che da documenti dei consiglieri (Santoro).

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5947 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.