9 dicembre 2016

Calcio – Serie A, la conferenza stampa di Agnelli e Bonucci

Leonardo Bonucci ha rinnovato il suo contratto con la Juventus fino al 2020. A darne l’annuncio sono stati lo stesso giocatore e il presidente Andrea Agnelli, durante la conferenza stampa tenuta alle 12.00 a Vinovo.

“Con Leo ho condiviso in tutto e per tutto i cinque anni della mia presidenza – ricorda Agnelli –. Fu il secondo acquisto della mia gestione dopo Marco Storari, cui va un affettuoso saluto e l’augurio di un pronto ritorno in Serie A. Il primo anno fu estremamente difficile, mentre per gli parlano i risultati. In questo periodo Leo è cresciuto molto, come uomo e come giocatore, e la sua crescita ha avuto il culmine nella finale di Champions League che, se da un lato ci ha regalato soddisfazione per essere tornati ad una dimensione internazionale, dall’altro ha lasciato l’amaro in bocca per il risultato. Proprio quella finale deve far capire a chi fa parte di questo gruppo, che oggi ha una visibilità internazionale e aspettative superiori. Ora per Leonardo si chiude un ciclo di cinque anni e se ne apre un altro, da vivere con la stessa passione e la stessa dedizione. Quando l’avrà completato avrà alle spalle dieci anni di Juve, ma credo che ben prima avrà un numero di presenza tale da entrare nel J-Museum”.

È un Leonardo Bonucci che non nasconde la sua soddisfazione per quello che lui stesso definisce come un giorno fondamentale per la sua carriera: “Questo rinnovo è l’inizio di un nuovo ciclo, ma è anche una gratifica per quanto è stato fatto negli scorsi cinque anni. Abbiamo iniziato in salita, ma poi sono stati anni di grandi soddisfazioni, nei quali la Juve è tornata a occupare il posto che le compete in Italia e in Europa. Nel mio primo anno ho imparato, come tutta la squadra, cosa significhi portare in giro i colori bianconeri. Poi, la reale maturazione è iniziata con le prime vittorie”.

“Ci sono tanti volti giovani: mi prendo la responsabilità di mettere a disposizione dei nuovi arrivi tutta la mia esperienza. Una lezione che ho imparato è che per onorare la maglia della Juve non basta lottare, è necessario vincere. La squadra è cambiata ma è rimasto uno “zoccolo duro” di cui faccio parte anche io: siamo pronti per mettere insieme in cantiere nuove ed entusiasmanti vittorie”.

(Foto LaPresse)

www.juventus.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5987 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.