6 dicembre 2016

Focus benessere, i benefici della meditazione guidata

Yoga Details Woman Hand

musica-rilassanteLo stress sembra essere una delle componenti purtroppo onnipresenti nella nostra vita: ritmi forsennati, obiettivi difficili da raggiungere e tanti altri fattori di contesto creano problemi alla nostra mente e al nostro corpo. Ma possiamo fare qualcosa…

Tra gli anni Sessanta e i Settanta, preludio dell’epoca che viviamo oggi, ci fu un forte impulso delle filosofie orientali e, in particolare, di quelle indiane: chi non ricorda la canzone “Across the Universe” dei Beatles, con il verso in sanscrito? O, per restare in ambito Fab Four, il pezzo My Sweet Lord di George Harrison, dedicato al dio indù Krishna? Inizialmente apprezzati dagli amanti della cosiddetta “controcultura”, i precetti dell’induismo e delle altre religioni si sono poi diffuse in tutta la società, in alcuni casi perdendo anche l’aura mistica che originariamente li contraddistingueva. Ma identico resta l’insegnamento di base, ovvero la possibilità di ritrovare il benessere.

Cosa fare? Il consiglio che ci arriva da lontano è quello di sperimentare i benefici della meditazione, svolgendo un’attività quotidiana e regolare, anche per pochi minuti ogni giorno: una volta assorbita nella routine quotidiana, la meditazione diventerà la parte migliore della giornata, di sicuro quella più attesa.

Come iniziare. Uno dei più grandi Maestri spirituali viventi dell’induismo è senza dubbio Sri Sri Ravi Shankar, che proprio a proposito della meditazione la definisce “de-concentrazione”: in altre parole, meditare significa accettare il momento, ogni momento, che si sta vivendo, e farlo nel modo più pieno possibile, cercando di trovare la serenità nel profondo. Sono chiaramente molti i consigli per chi si affaccia per la prima volta a tali pratiche: innanzitutto, si deve destinare un periodo di almeno 20 minuti all’attività, lasciando quindi da parte tutto quello che ci collega al mondo (spegnere quindi smartphone, computer, televisori e quant’altro): il tempo ideale è quello all’alba o al tramonto, momenti di transizione naturale, ma l’importante è essere tranquilli e indisturbati. Per questo, è fondamentale anche scegliere un posto quieto, il giusto angolo di benessere, che sia all’esterno (in un parco, sotto un albero) o in casa, e mettersi a sedere in una posizione comoda, facendo magari qualche esercizio di riscaldamento prima di tuffarsi nella meditazione. Poi, si passa a qualche esercizio di respirazione, per trovare il ritmo giusto e portare la mente al corretto stato meditativo, cercando di mantenere sempre una espressione serena sul volto per tutta la durata dell’attività.

Addio stress. Potremmo definirle tecniche di “igiene mentale”, operazioni da seguire ed eseguire almeno una volta al giorno per ritrovare la pace interiore. La più importante è probabilmente la meditazione guidata, ovvero il tentativo di astrarsi per qualche minuto dal mondo circostante, grazie alla guida (appunto) di una musica con testi speciali realizzati e declamati da un maestro, per pulire così la mente e regolare le emozioni nel cervello. Cliccando sul sito Shankara è possibile trovare un’ampia gamma di cd musicali tradotti in italiano, che ci aiuteranno a sperimentare uno stato profondo di meditazione e provare i tanti benefici di questa pratica.

La mente ringrazia. I saggi indiani dicono che la meditazione è come un seme, e sboccia quando la si coltiva con più amore. Perciò, più passione mettiamo, maggiori saranno i benefici che andremo a scoprire su noi stessi, imparando innanzitutto a conoscerci e ad accettarci. Il primo effetto è l’aumento della capacità di concentrazione e della memoria, che consente di sentirsi più leggeri e anche di eseguire più operazioni in contemporanea. Altri benefici che provengono dalla meditazione sono l’aumento della conoscenza di se stessi e della capacità di autocontrollo.

E anche il corpo ne giova. Secondo le indicazioni dell’induismo, e in particolare del guru Sri Sri Ravi Shankar, con la meditazione la fisiologia subisce un cambiamento e ogni cellula del corpo si carica di prana (ovvero di energia), trasformandola poi in gioia, pace ed entusiasmo per la vita. Inoltre, storicamente si sono riscontrati benefici anche a livello fisico, come l’abbassamento della pressione alta; riduzione degli attacchi di ansia, di mal di testa, di ulcere; aumento della produzione di serotonina, che migliora l’umore e il comportamento; incremento dei livelli di energia.