8 dicembre 2016

Sanità, via ai tagli per decreto con fiducia

Detto fatto. Il governo dopo gli annunci passa al decreto. Un pacchetto di emendamenti al decreto “omnibus” enti locali, presentato nei giorni scorsi, darà la prima spinta ai tagli (il governo continua a chiamarla spending review) sulla Sanità. Dopo il via libera tecnico-politico giunto con le parole del Commissario alla revisione della spesa pubblica, Yoram Gutgeld, arrivato via intervista a Repubblica, il governo accelera. Il provvedimento sarà oggi in aula al Senato e non è escluso il ricorso alla fiducia per poi passare alla Camera. “No agli allarmismi – ha rassicurato ieri il premier Renzi – sulla sanità si lavora soprattutto alla razionalizzazione e alla riduzione delle centrali di spesa”. Mentre le Regioni si mettono in posizione di guardia: “Abbiamo già dato”, dicono in coro gli assessori alla Sanità.

In ballo c’è un pacchetto di misure per 2,3 miliardi nel 2015, altrettanti nel 2016 e nel 2017. I provvedimenti riguarderanno direttamente i cittadini. In primo luogo c’è il taglio delle prestazioni specialistiche (visite, esami strumentali ed esami di laboratorio) non necessarie (nel linguaggio tecnico: non appropriate). Il ministero della Salute con un imminente decreto stilerà la lista delle situazioni e patologie dove analisi e approfondimenti sono necessari, se si è fuori della lista si pagherà di tasca propria. La norma prevede anche una stretta sui medici perché il principio che ispira la razionalizzazione è che bisogna frenare il fenomeno della cosiddetta “medicina difensiva”. Da oggi chi sbaglia subirà un taglio allo stipendio.

Nicola Fratoianni coordinatore e deputato Sel commenta: «Più di 2 miliardi di tagli all’anno in tre anni su prestazioni e servizi. Nemmeno una parola sui circa 30 miliardi di euro sottratti al sistema sanitario negli ultimi 5 anni. Nemmeno una parola sulle corsie degli ospedali in sofferenza per mancanza di personale, né una parola sulle condizioni di lavoro degli operatori e delle persone che hanno bisogno e faticano ad accedere alle cure. Proseguendo su questo piano inclinato, appare chiaro che la meta ultima cui si aspira è quella della privatizzazione di fatto dei servizi».

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.