3 dicembre 2016

Nepi – Un arresto e due denunce per omicidio colposo

I Carabinieri della Stazione di Nepi, unitamente ai colleghi del Nucleo Ispettorato del lavoro di Viterbo hanno tratto in arresto per omicidio colposo a seguito di incidente sul lavoro, truffa ai danni dello Stato ed inosservanza della legislazione sulla sicurezza sui luoghi di lavoro, un 59nne titolare di una ditta che si occupa di movimento terra.

L’attività ha tratto origine da un incidente sul lavoro avvenuto il 19 febbraio scorso allorquando veniva soccorso un operaio 56nne di Sutri che durante i lavori di abbattimento di un ex ricovero per equini, cadeva al suolo asseritamente a seguito di un malore. Lo stesso trasportato a mezzo eliambulanza all’Ospedale Gemelli di Roma decedeva il giorno seguente per il forte trauma cranico.

Da allora a seguito del referto medico, che non risultava compatibile con il racconto dell’incidente, la Procura della Repubblica di Viterbo ha delegato personale del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Civita Castellana e della Stazione di Nepi a svolgere indagini per chiarire la vicenda.  Dalle indagini svolte è emerso che l’uomo non fu colto da malore bensì fu colpito al capo accidentalmente dalla pala meccanica manovrata da un altro operaio; successivamente il titolare della ditta occultò, insieme al predetto operaio, le tracce utili per la ricostruzione dei fatti nel timore di conseguenze dovute al mancato rispetto delle norme di sicurezza per i luoghi di lavoro. Ulteriori accertamenti svolti unitamente al personale del Nucleo Carabinieri Ispettorato del lavoro di Viterbo e dell’Asl sezione di Civita Castellana hanno permesso di portare alla luce numerose violazioni relative alla sicurezza sul lavoro e truffe ai danni dello Stato mediante presentazione di falsi certificati su corsi per la sicurezza fatti ai dipendenti e su visite di idoneità al lavoro mai fatte ai dipendenti.

A conclusione delle indagini sono state deferite all’Autorità Giudiziaria due persone e per il titolare della ditta è stata chiesta l’applicazione della misura cautelare che, l’Autorità Giudiziaria, concordando pienamente con la tesi investigativa, ha emesso.

È stata eseguito l’ordinanza di custodia cautelare e l’arrestato, dopo le formalità di rito, è stato tradotto presso la propria abitazione a disposizione dell’Autorità Giudiziaria competente.

About Samantha Lombardi 4006 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it