8 dicembre 2016

Il vecchio liberismo contro i beni comuni

È appena stata bat­tez­zata la nuova tribù degli “anti­be­ni­co­mu­ni­sti” capi­ta­nati dall’Istituto Bruno Leoni e pro­mossa da Pier­luigi Bat­ti­sta sulla grande stampa (il Cor­riere della Sera di gio­vedì scorso). L’obiettivo è impu­tare al “beni­co­mu­ni­smo” di essere la «solita mine­stra sta­ta­li­sta e diri­gi­sta che ha nutrito per oltre un secolo la sini­stra». Si tratta di una for­mi­da­bile misti­fi­ca­zione, ma ancor più signi­fica non com­pren­dere pro­prio il carat­tere inno­va­tivo e con­tem­po­ra­neo che sta alla base della teo­ria e dei movi­menti dei beni comuni.

Per dirla in estrema sin­tesi, è evi­dente che Bat­ti­sta è poco avvezzo ad un pen­siero che si situa den­tro la spe­ci­fi­cità del capi­ta­li­smo finan­zia­rio e della sua crisi e che si distan­zia pro­prio da un’idea di pub­blico sta­ta­li­sta che ha acco­mu­nato la cul­tura della sini­stra nove­cen­te­sca, sia quella di estra­zione comu­ni­sta che di quella socialdemocratica.

La vera novità espli­ci­tata dalla teo­ria e dai movi­menti dei beni comuni, in oppo­si­zione al modello neo­li­be­ri­sta, sta pro­prio nel vedere la gene­rale mer­ci­fi­ca­zione dei beni e dell’attività umana e, dun­que, nell’affermare che i beni ad appar­te­nenza col­let­tiva alla base dei diritti umani fon­da­men­tali non pos­sono essere con­se­gnati al mer­cato e che, anzi, vanno gestiti in modo dif­fuso e partecipato.

Se pro­prio si vuole tro­vare un ante­ce­dente illu­stre in quest’approccio, più che a Prou­d­hon, biso­gna guar­dare a Pola­nyi che , non a caso, scrive sulla grande crisi del capi­ta­li­smo degli anni ’30 del secolo scorso, e che già allora evi­den­zia che quando si vuol ridurre lavoro, terra (e cioè beni comuni) e moneta pura­mente a merce, essi si pren­dono la loro rivin­cita e rive­lano come il mer­cato auto­re­go­lan­tesi sia, con­tem­po­ra­nea­mente, una grande costru­zione arti­fi­ciale e una grande illusione.

Ma quello che mi spinge a pren­dere in con­si­de­ra­zione il ragio­na­mento di Bat­ti­sta non sta tanto nel misu­rarsi su que­sti temi di fondo, quanto il suo intento dichia­rato di voler sfer­rare un’offensiva con­tro l’ “ideo­lo­gia dei beni comuni”, pren­dendo atto che essa ha segnato diversi punti a suo favore, e di chie­dere che la poli­tica si spenda con forza su que­sta strada. Per fare que­sto Bat­ti­sta non esita a ricor­rere ad acco­sta­menti per­lo­meno arditi, come quando riduce il tema della demo­cra­zia par­te­ci­pa­tiva ad una sorta di con­fuso assem­blea­ri­smo, che poi si tra­duce nel rispol­ve­rare il vec­chio luogo comune — que­sto sì– per cui pic­cole avan­guar­die mili­tanti si sen­tono inve­stite della volontà popo­lare. Soprat­tutto arriva a soste­nere che i refe­ren­dum sull’acqua del 2011 sareb­bero stati, in buona sostanza, una gran­diosa ope­ra­zione mani­po­la­tiva da parte di una pic­cola schiera di intel­let­tuali che avreb­bero fal­sa­mente pro­pi­nato al popolo che era in campo l’intenzione di pri­va­tiz­zare l’acqua e il ser­vi­zio idrico.

A parte qua­lun­que con­si­de­ra­zione sul fatto che vivremmo in un’epoca in cui il “popolo bue” si lascia incan­tare da qual­che paro­laio e, ancor più, il disprezzo che tra­pela per un isti­tuto, come quello refe­ren­da­rio, che ha visto comun­que pro­nun­ciarsi in modo ine­qui­voco la mag­gio­ranza asso­luta dei cit­ta­dini ita­liani, è troppo chie­dere al nostro di andare sem­pli­ce­mente a rileg­gersi il decreto Ron­chi, che venne appunto abro­gato da quel pro­nun­cia­mento? E’ troppo ricor­dar­gli che quel prov­ve­di­mento avrebbe obbli­gato tutte le società di pro­prietà pub­blica a far entrare i sog­getti pri­vati, entro la fine del 2011, nel capi­tale sociale delle stesse, in una misura non infe­riore al 40%?

E che dare la gestione del ser­vi­zio idrico a sog­getti pri­vati, con­sen­tire ad essi di rea­liz­zare pro­fitti in quest’attività, equi­vale esat­ta­mente a pri­va­tiz­zare l’acqua?

Il fatto è che biso­gna alli­neare la grande stampa al nuovo ciclo di pri­va­tiz­za­zione pro­mosso diret­ta­mente dal governo Renzi e affi­dato con­cre­ta­mente alle grandi mul­tiu­ti­li­ties quo­tate in Borsa. E ciò, come dimo­stra l’esperienza con­creta e quella che si rea­liz­zerà se que­sto dise­gno andrà in porto, non solo com­porta le con­se­guenze nega­tive dei clas­sici pro­cessi di pri­va­tiz­za­zione, come l’incremento delle tariffe, il calo dell’occupazione, il decre­mento degli inve­sti­menti, il peg­gio­ra­mento della qua­lità del ser­vi­zio, ma anche quelle nuove, quando sono pro­mosse da grandi sog­getti finan­zia­riz­zati, non radi­cati nei ter­ri­tori e orien­tati dalla quo­ta­zione in Borsa, e cioè in par­ti­co­lare la per­dita di qua­lun­que ruolo deci­sio­nale degli Enti locali e della pos­si­bi­lità di espres­sione demo­cra­tica dei cittadini.

Del resto, quest’impostazione, che indi­vi­dua nel “socia­li­smo muni­ci­pale” uno dei nodi da aggre­dire nel nostro paese per farlo avan­zare sulla strada della moder­niz­za­zione, non a caso incon­tra una chiara sin­to­nia con quanto ci spiega il neo­di­ret­tore dell’Unità Era­smo De Ange­lis, dalle colonne del gior­nale, per cui il nostro sarebbe rima­sto l’unico Paese model­lato sull’esperienza del socia­li­smo reale.

Infine, non si può sot­ta­cere come que­sta spinta ideo­lo­gica mira anche ad attac­care l’idea dell’esistenza di diritti fon­da­men­tali, come quello del diritto all’acqua. Come inter­pre­tare se non in que­sta chiave, ad esem­pio, alcuni fatti di que­sti giorni, quello per cui il sin­daco di Bolo­gna viene inda­gato dalla Pro­cura per­ché aveva dispo­sto l’allacciamento all’acqua in alcuni sta­bili occu­pati in quella città o il fermo di alcuni atti­vi­sti che si sono oppo­sti al distacco dell’erogazione dell’acqua ad uno spa­zio occu­pato a Roma per tra­sfor­marlo in cen­tro di aggre­ga­zione del quartiere?

In ogni caso, Bat­ti­sta può stare tran­quillo: non saranno le inter­pre­ta­zioni di comodo, le misti­fi­ca­zione della realtà, l’accondiscendenza nei con­fronti dei poteri forti ad arre­stare un pro­cesso che affonda le sue radici, mate­riali e sog­get­tive, nelle tra­sfor­ma­zioni radi­cali e regres­sive che ci con­se­gna non il socia­li­smo muni­ci­pale, ma il capi­ta­li­smo neo­li­be­ri­sta. Soprat­tutto se, come mi auguro e come esi­stono le con­di­zioni per rea­liz­zarlo già nei pros­simi mesi, le ragioni dei beni comuni, del lavoro, di un rin­no­vato Stato sociale, acco­mu­nate dall’idea dell’universalimo dei diritti della per­sona, sapranno incon­trarsi e ren­dere cre­di­bile l’idea di un modello pro­dut­tivo e sociale alter­na­tivo a quello che le éli­tes domi­nanti, in Europa come nel nostro Paese, con­ti­nuano a pro­porci come l’unico possibile.

di Corrado Oddi
fonte: Il manifesto, 25 luglio 2015

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.