5 dicembre 2016

Albano Laziale – Torna ad incombere l’ombra dell’inceneritore

Tutta la nostra solidarietà agli amici di Albano sui quali torna ad incombere l’ombra dell’inceneritore di Cerroni alleato con AMA ed ACEA: il Tribunale Amministrativo del Lazio ha infatti stabilito il 21 luglio scorso che l’inceneritore di Albano potrà essere costruito utilizzando mezzo miliardo di euro di soldi pubblici, CIP-6, che invece secondo l’UE dal 1° gennaio 2009 non possono essere più destinati, per legge, ad impianti di incenerimento dei rifiuti urbani.

E’ indispensabile, però, per sbloccare i finanziamenti e avviare i lavori, il parere della Regione Lazio senza il quale il Ministero dello Sviluppo Economico non potrà dare il via libero al cantiere. Cosa diranno Zingaretti e Civita, da troppi mesi silenziosi sul futuro dei rifiuti del Lazio nonostante il can can con cui annunciavano, all’indomani della loro elezione, il nuovo piano rifiuti di cui da dicembre 2013 si sono definitivamente perse le tracce?

Tanto rumore per nulla, il piano rifiuti ancora vigente è quello della Polverini e le scelte impiantistiche sembrano ancora inesorabilmente proiettate verso impianti rifiuti a recupero energetico (inceneritori e biogas). Sembra quasi che il silenzio della regione e di tanti altri amministratori serva a creare le giuste condizioni affinché possano essere realizzate scelte impiantistiche che vengono da lontano, progetti bloccati dalla protesta popolare, ma mai definitivamente accantonati: vale per l’inceneritore di Albano come anche per il biogas dell’AMA a Maccarese, impianto quest’ultimo bloccato dalla CdS della Provincia ma rispetto al quale siamo ancora in attesa del giudizio del TAR a cui AMA stessa si è appellata. Il fatto è che i rifiuti di Roma sono tanti, 1.700.000 t/anno, rifiuti prevalentemente indifferenziati e/o differenziati per finta…dove scaricarli dopo la chiusura di Malagrotta se non in territori della provincia già compromessi ed “occupati” assicurando affari d’oro a chi per decenni ha iscritto sul proprio libro paga tanti amministratori capitolini e non solo?

Quando qui lottavamo contro la costruzione dell’inceneritore a Pizzo del Prete, fortemente caldeggiato dalla giunta Polverini, abbiamo avuto anche il sostegno dell’allora candidato, oggi sindaco, Montino che però con estrema incoerenza mentre diceva no a Pizzo del Prete rivendicava la scelta della giunta Marrazzo circa la costruzione di un inceneritore ad Albano! Cosa dobbiamo pensare dei silenzi di Montino rispetto all’impianto di trasferenza AMA di viale dell’Olmazzeto a fianco al quale l’azienda municipalizzata vorrebbe costruire il megabiogas il cui progetto, come abbiamo detto, è in attesa del giudizio del TAR? Ci aspetteremmo che il duo romano Marino&Marino, che non perde l’occasione di ribadire con quanta energia si sta contrastando il monopolista, che si dice contrario all’incenerimento, prenda una posizione forte e chiara contro questa operazione impartendo anche precise indicazioni alle società AMA ed ACEA nei fatti sotto il controllo del Campidoglio.

Chi ha il potere in mano si prende tutto il tempo che vuole per portare a termine i propri piani, i progetti vengono passati di mano in mano ad ogni cambio di maggioranza sino a che, grazie a compiacenti innovazioni legislative e a sentenze favorevoli del TAR nonché, purtroppo, alla stanchezza e alla rassegnazione dei cittadini, non riescono ad imporsi. Non facciamoci prendere per stanchezza, la ragione è dalla nostra parte, di Albano, di Fiumicino, di Bracciano, di Cerveteri, di Colleferro, di Guidonia, della Valle Galeria.

Il Presidente del Comitato Rifiuti Zero Fiumicino

About Emanuele Bompadre 8230 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.