10 dicembre 2016

La tassa sull’aria condizionata la pagheranno le imprese. Pmi soffocate dal fisco più che dal caldo

Quello che sembrava un paradosso, entrato nel lessico popolare, ora è diventato realtà: una tassa sull’aria, anche se condizionata. Una direttiva europea ha infatti stabilito che per sfuggire al caldo si debba andare incontro ad una nuova tassa sui condizionatori. Riguarderà soltanto i grandi impianti, si affrettano a chiarire dal ministero dello Sviluppo Economico, mentre per le organizzazioni dei consumatori a pagare alla fine saranno i cittadini.
La verità, come al solito è nel mezzo: a pagare saranno le imprese e non soltanto di piccole dimensioni ed anche le famiglie e non certo a causa dei rincari dei prezzi imposti per scaricare la tassa sui consumatori, che non ci saranno.
I 12 kw di cui parla la direttiva europea, infatti, sono quelli degli impianti di condizionamento necessari a refrigerare locali dai 100 metri quadri in su. Quindi, pubblici esercizi, negozi di medie dimensioni, piccole imprese e, naturalmente, anche immobili di grandi dimensioni.
Dunque, a sborsare per avere un po’ di sollievo dal fresco, saranno in molti, imprese commerciali in prima fila. Che spesso, nelle giornate di caldo insopportabile come queste, vengono prese d’assalto più per il sollievo alla calura che per la merce in vendita.
La nuova tassa si candida a pieno titolo ad entrare nella prossima edizione del dossier sui 100 Balzelli d’Italia realizzato periodicamente da Confesercenti. Un vero e proprio ‘bestiario fiscale’ che ha passato in rassegna i casi più assurdi di gabelle imposte ai contribuenti italiani, dalla tassa sull’ombra alla tassa sui gradini, fino a quella sulle insegne.
“Non si fa che sottolineare la necessità di abbassare le tasse – sottolinea Mauro Bussoni, Segretario Generale della Confesercenti – ed intanto si preparano a tassare anche l’aria condizionata. Le imprese, soprattutto piccole e medie, cosi come milioni di famiglie, faticano a non chiudere i battenti o arrivare a fine mese. E’ difficile dire alle Pmi, che già combattono quotidianamente con tasse troppo alte, costi di gestione insostenibili ed un accesso al credito sempre più difficile, che dovranno pagare anche per non soffocare all’interno dei loro esercizi. Se la norma è orientata ad evitare l’aggravarsi delle fonti di inquinamento – conclude Bussoni – il sistema certamente non è quello di introdurre un nuovo balzello”.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5989 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.