7 dicembre 2016

Roma – Controlli interforze ad altro impatto, in manette due borseggiatori e due spacciatori

 

Coadiuvati dai colleghi dei Commissariati limitrofi, del Reparto Volanti e del Reparto Prevenzione Crimine, delle Compagnie Carabinieri di Roma Centro e piazza Dante, dell’8° reggimento Carabinieri con l’apporto delle unità cinofile e quello della Guardia di Finanza, del Reparto speciale dei Carabinieri del NAS, della ASL e dell’Ispettorato del lavoro, hanno effettuato il consueto servizio così detto ad “alto impatto. Sono stati predisposti vari posti di controllo durante i quali sono state controllate 182 persone, per 32 delle quali si è reso necessario ricorrere alla verifica dell’identità tramite la rilevazione delle impronte digitali. Sette le persone, a vario titolo, indagate in stato di libertà per il reato di ricettazione, contravvenzione al foglio di via obbligatorio, violazioni delle leggi in materia di conservazione degli alimenti ed inottemperanze agli obblighi imposti dalla legge sull’immigrazione. I Carabinieri del NAS hanno effettuato dei controlli a diversi esercizi commerciali. In un caso i militari hanno denunciato a piede libero un cittadino del Pakistan, proprietario di una rosticceria di viale Manzoni, poiché a seguito di controllo sono state riscontrate gravi carenze igienico sanitarie e la presenza di alimenti in cattivo stato di conservazione, con la presenza di blatte. Il locale è stato sottoposto a sequestro. Altri 3 esercizi commerciali sono stati invece sanzionati amministrativamente per complessivi 10 mila euro, poiché sono state riscontrate oltre a gravi carenze igienico sanitarie, la presenza di prodotti alimentari privi di indicazioni di tracciabilità e di lavoratori assunti non in regola. Nel contesto i militari hanno proceduto al sequestro di quasi 700 chili di prodotti alimentari.

Sono invece 6 i soggetti segnalati al Prefetto quali assuntori di sostanze stupefacenti e circa 70 i grammi di hashish e marijuana sequestrati.

Dal controllo svolto congiuntamente alla ASL ed all’Ispettorato del Lavoro sono state rilevate 12 violazioni amministrative in altrettanti esercizi commerciali.

Tra questi, due bed and breakfast ed un affittacamere sono risultati abusivi ed è stata richiesta l’emissione da parte del Questore di un provvedimento di chiusura dell’attività.

Sono invece scattate le manette per 4 persone.

Due ragazzi di nazionalità marocchina, N.M. ed M.O., rispettivamente di 21 e 27 anni, vedendo il personale dell’Arma dei Carabinieri in divisa avvicinarsi, hanno provato a defilarsi ma, il loro movimento ha insospettito i militari. Una volta raggiunti, i due hanno tentato ulteriormente la fuga colpendo i Carabinieri venendo però bloccati. Gli immediati accertamenti hanno permesso di stabile che gli stessi avevano appena borseggiato un turista giapponese all’interno di un ristorante della stazione Termini. I due con l’ausilio di agenti della Polizia di Stato, sono stati quindi arrestati per i reato di furto, oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale. Segnalati al Prefetto anche per possesso di hashish.

Proseguono inoltre gli accertamenti degli investigatori su un passaporto indiano e su alcuni oggetti elettronici rinvenuti addosso ai marocchini.

Diversa la dinamica che ha portato all’arresto di M.L. , 30enne del Gambia e di S.A.K. , senegalese di 19 anni. I due, nonostante la presenza delle Forze dell’Ordine, hanno provato a vendere alcune dosi di cocaina ad un tossicodipendente italiano; a nulla sono servite le precauzioni da loro messe in atto, infatti gli investigatori hanno seguito tutta la trattativa e sono intervenuti immediatamente dopo lo scambio di denaro, arrestandoli.