9 dicembre 2016

Mondiale SBK – Sykes e Rea al secondo e terzo posto nelle due gare americane

Nel nono round del Campionato Mondiale eni FIM Superbike, tenutosi a Laguna Seca negli Stati Uniti, i piloti del Kawasaki Racing Team, Tom Sykes e Jonathan Rea, hanno chiuso entrambe le gare sul podio, rispettivamente in seconda e terza posizione, ritrovandosi a battagliare in tutte e due le corse. L’iridato 2013 del Mondiale Superbike è stato in grado di tener dietro il compagno di squadra e capo classifica in entrambe le occasioni, grazie alla proverbiale staccata e alle caratteristiche del circuito, che rendono difficili i sorpassi.

Nonostante i suoi ‘peggiori’ risultati dell’anno, Rea mantiene comunque la vetta della classifica con ben 125 punti di vantaggio su Sykes.

Tom Sykes: “Io e Jonathan abbiamo messo in piedi una bella battaglia per tutta la prima gara. Sulla tabella il distacco era sempre più zero, quindi ho semplicemente dovuto mantenere la posizione. Non è stato semplice ma comunque sono contento, viste le circostanze. Abbiamo fatto due piccoli cambiamenti per gara due ed è stato strano, perché ad inizio gara sentivo di avere un buon setup, ma con la pioggia Chaz si è preso qualche rischio in più. Ha funzionato, perché è riuscito a scappare via e credo che questo sia stato il fattore decisivo per la gara. Io invece ho avuto un paio di avvertimenti che mi hanno convinto a non provare ad inseguirlo. A conti fatti sono comunque felice, due secondi posti sono accettabili”.

Jonathan Rea: “Ci ho provato in tutti modi ma non c’era niente niente da fare, in gara 1 non sono stato in grado di avere la meglio su di lui. È un peccato, perché ero sicuro di avere un passo migliore. Ho tentato in un paio di occasioni ma sono finito largo ed era chiaro che per riuscire ad avere la meglio avrei dovuto essere più aggressivo. All’ultima curva ero un po’ indietro ed ho deciso di far valere la ragione, perché 16 punti sono comunque meglio di zero. Anche in gara 2 avevamo un buon ritmo ma abbiamo fatto qualche errore di troppo e con la pioggia sia io che Tom abbiamo perso molto tempo da Chaz.”
Fonte: worldsbk.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5987 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.