5 dicembre 2016

Sport – ASD La Storta: “Dopo 70 anni costretti a chiudere per disinteressamento Comune di Roma”

“Dopo oltre 70 anni di storia siamo costretti a chiudere l’attività per indisponibilità del campo sportivo S.Eugenio – dichiara in una nota la Società Sportiva di calcio ASD La StortaE ciò a causa del completo disinteressamento delle amministrazioni che in questi anni si sono succedute al Comune di Roma. La questione è annosa: la società sportiva esercitava la sua attività su un campo, frutto di una donazione a scopo sociale del 1953, concesso in comodato d’uso dai vari proprietari che nel tempo si sono succeduti. Negli anni ’70 inizia un contenzioso legale tra il Comitato di Borgata che rivendica l’uso del campo sportivo per i ragazzi del quartiere, in virtù degli scopi sociali della donazione, e il proprietario di turno. Contenzioso che si conclude con la totale cessione del terreno alla Società Italwagen e l’intimazione alla società sportiva di lasciare l’impianto. Anno dopo anno in seguito a nostre richieste reiterate, l’Italwagen ha concesso benevolmente l’uso dell’impianto per l’attività sportiva. E così, per 10 anni, siamo vissuti calcisticamente tra l’incertezza più totale e l’indifferenza del Comune di Roma che, interessato della questione, ha fatto sempre grandi promesse e progetti senza alcuna conclusione concreta. Ora siamo all’epilogo giacchè l’Italwagen non intende più rilasciare il nullaosta concesso per anni. Il risultato è che un territorio che conta 20.000 abitanti rimarrà senza alcun impianto che consenta ai bambini di giocare a calcio, e che una società, che nell’ultimo anno ha tesserato 190 bambini e ragazzi tra i 5 e i 16 anni e 50 adulti, sparirà per sempre”.

Già da tempo sto seguendo la difficile situazione in cui si trova la società calcistica ASD La Storta e sono sempre più sconcertato – dichiara in una nota Michele Baldi Capogruppo della Lista Civica Zingaretti al Consiglio Regionale del Lazio – E’ inaccettabile che una società così radicata sul territorio, con un’utenza così vasta e che persegue uno scopo sociale così importante come quello di far fare sport a bambini e ragazzi, allontanandoli anche dalla strada, debba chiudere per il silenzio delle istituzioni. Possibile che il Comune di Roma non sia in grado di trovare una soluzione per tutelare quest’attività sociale così importante? Io, dal canto mio, farò tutto ciò che posso per continuare a consentire ai giovani di La Storta di avere un punto di ritrovo fondamentale come quello del campo di calcio”.

About Emanuele Bompadre 8230 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.