Ostia – È morto Roberto Franciotti, il primo a combattere la corruzione nel municipio

È morto la scorsa notte Roberto Franciotti, leader delle battaglie autonomiste, della lotta alla corruzione e alla legalità dell’allora XIII Municipio. Colpito da un attacco cardiaco proprio nella sua abitazione di Ostia si è spento uno tra i più amati e coraggiosi uomini politici del litorale.

Insegnante di judo presso l’Athletic Center, proprio quella palestra che a metà degli anni 80 saltò in aria a causa di un attentato dinamitardo firmato Brigate Rosse che da tempo seguivano l’impegno politico di Franciotti. Sua la battaglia per la separazione del municipio da Roma, capendo che un’estensione territoriale come quella del “decimo” doveva essere autonoma e autogestirsi.

Proprio queste sue vedute non lo facevano ben vedere dal PSI, il suo partito di riferimento, ne tanto meno dagli esponenti politici nazionali.

Franciotti abbandonò la politica dopo i due referendum sull’autonomia del territorio, la prima volta nel 1989 dove vinsero con un ampio margine i “NO” e successivamente nel 1999 dove addirittura non si riusci ad ottenere il quorum con il successivo annullamento del referendum stesso.

I funerali si terranno domani 22 luglio presso la chiesa Santa Monica alle ore 9,00.