9 dicembre 2016

Jobs Act primi effetti devastanti. Barozzino: lavoratrice spedita a mille km di distanza

«Gli effetti del Jobs Act iniziano a farsi sentire: un’operaia di Melfi, assunta alle dipendenze della FIAT Sata S.p.a. fin dal 1992, ha avuto la ‘colpa’ di diventare madre. Al rientro dalla maternità, infatti, ha dovuto fare i conti con un vero e proprio stalking da parte dell’azienda: prima demansionamento e successivamente il trasferimento presso la sede di Chivasso (TO), a 1.000 chilometri di distanza». Lo denuncia il senatore Giovanni Barozzino, capogruppo di SEL in commissione lavoro, che ha presentato un’interrogazione in merito, firmata oltreché dai colleghi di SEL, anche da numerosi senatrici e senatori di altri gruppi parlamentari.

«Per questi motivi – ha proseguito – chiedo al Presidente del Consiglio dei ministri, al Dipartimento per le Pari Opportunità e al Ministro del lavoro, se non ritengano di dover intervenire nei confronti dell’Azienda Fenice per far rientrare una disposizione che si qualifica come evidente discriminazione, in palese contrasto – ha concluso – con tutte le disposizioni normative a tutela della maternità».

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5987 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.