4 dicembre 2016

Le annunciazioni di Renzi

07/08/2013 Bosco Albergati, il sindaco di Firenze Matteo Renzi alla festa del PD di Bosco Albergati in provincia di Modena.

Annunciazione, annunciazione! Ricordate il simpatico skatch “La natività” della Smorfia? Oggi a vestire i panni del ruolo interpretato nel 1977 da Lello Arena è il nostro premier Silvio, ops, Matteo Renzi.

Leggete cosa ha scritto solennemente sulla Gazzetta di Facebbok il non eletto: “2014. Primo atto del governo: 80 euro al mese a dieci milioni di italiani. 2015. Eliminazione della componente Costo del lavoro da Irap. 2016. Via IMU e Tasi sulla prima casa. 2017. Giù Ires. 2018. Irpef e pensioni minime…Questo è il nostro percorso: 50 miliardi di euro di riduzione tasse in cinque anni. Sempre mantenendo il rispetto dei parametri di Maastricht e del 3%, per una questione di serietà con i mercati e con l’Europa. Uno shock fiscale che rottama l’idea del PD come partito delle tasse E che vuole restituire fiducia agli italiani e competitività all’Italia. Lo abbiamo fatto, lo stiamo facendo, lo faremo assieme a chi vuole bene all’Italia, con buona pace dei gufi e dei disfattisti”.

Lasciamo stare la grammatica, perché dal fautore della buona scuola in merito non può pretendersi nulla, e concentriamoci sui contenuti di questo annuncio stile subito.it.

Sul primo punto Renzi sbaglia, perché il suo primo regalo agli italiani è stato costringere, di fatto, i comuni ad aumentare la Tasi, la tassa locale sulla casa.

Sugli 80 euro il Matteo del Pd dimentica che per accontentare la base del suo elettorato in vista delle europee, ha aumentato le tasse a tutti, perché per finanziare quella che definisco la questua (i soldi, magari, vanno dati prima a chi non guadagna, poi agli altri…) ha tagliato i fondi agli enti pubblici locali. Quest’ultimi, di fronte al fatto di non poter erogare più servizi perché privi di risorse, sono stati costretti ad innalzare le imposte di competenza, con il risultato che tutti gli italiani hanno pagato di più i servizi gestiti dalle regioni e comuni.

Tra le promesse da mantenere entro il 21 settembre del 2014 c’era quella che avrebbe pagato tutti i debiti della P.A.; infatti…..

“2015: eliminazione della componente costo del lavoro da Irap”: oggi abbiamo il record di disoccupazione giovanile, sfioriamo e superiamo ciclicamente il record di disoccupazione generale e ci sono persone come noi, imprenditori e lavoratori, che si ammazzano perché hanno perso il lavoro. Costoro, per il premier e per gran parte delle testate giornalistiche non hanno neanche la dignità d’essere ricordati, anzi….sono una fastidiosa nebbia da nascondere, che offusca il sole dell’avvenire renziano.

Capitolo profezie 2016, 2017 e 2018: premesso che se puoi fare una cosa giusta oggi, non devi rinviarla a domani, a maggio il nostro debito pubblico ha raggiunto la cifra record di 2.218,2 miliardi di euro! Questo nonostante il primato mondiale di tasse, con la pressione fiscale al 53,2% (superiore al 51% della Danimarca dove i servizi pubblici sono eccellenti), la mortificazione dei diritti dei lavoratori, una riforma scolastica che aumenterà il solco tra scuole di serie A e quelle di serie C, la finta abolizione delle province (prima almeno i consiglieri li eleggevamo noi….), una finta legge sulla corruzione, il silenzio assenso sui beni ambientali ed una sanità dove una neonata muore perché mancano i posti letto.

Mentre le parole di Renzi dipingono un bel quadro, la realtà descrive un incubo. Il 6% degli italiani è così povero da non potersi permettere uno standard di vita minimamente accettabile. C’è la promessa di voler ridurre le tasse per 50 miliardi di euro, ma nel frattempo il governo deve trovarne ora almeno 20 per la Legge di Stabilità.

Pensioni: il 44% dei pensionati percepisce meno di 1.000 euro al mese ed una su otto incassa mensilmente meno di 500 euro. Degli esodati perché non si parla più? Dati che sottolineano la vergogna di una nazione che lascia indietro milioni di cittadini. Ah, volete farvi due pianti: calcolate la vostra pensione con il sistema contributivo….schifoso, vero?

Caro annunciatore la verità è che oggi lo Stato è diventato il peggior nemico del cittadino onesto, tant’è che oggi rischia di più chi si alza al mattino per andare a lavorare e non chi si alza per rubare.

Caro cantastorie la crisi greca ha evidenziato ancora una volta quanto grazie a lei contiamo in Europa; siamo i servi della Germania.

Il Pd è il partito che da quattro anni di seguito governa l’Italia ed è impegnato nel governo delle principali amministrazioni locali. Ad onor del vero va detto che alcuni suoi esponenti sono implicati in vicende poco cristalline come Mafia Capitale, Expò, Mose, Mps, quindi c’è un calo di pedine sulle quali contare.

Cercare di far passare l’idea di un Pd che rottama l’idea di se stesso come partito delle tasse è assurdo, perché è proprio la classe dirigente del Pd ad aver causato tutto ciò.

Signor Renzi lasci perdere i gufi ed i disfattisti, perché la questione è tra essere fessi e no. Anche il più gufo ed il più disfattista può dimostrarsi meno fesso e credulone dei bontemponi e degli ottimisti.

Auguro a lei ed ai suoi legulei di vivere con 900 euro al mese, con un mutuo sulle spalle, i bimbi da mandare a scuola ed in vacanza, l’assicurazione da onorare, la spazzatura da pagare, i vestiti da acquistare, senza auto blu, voli di stato e leggi a favore dei genitori banchieri.
Ci direte, così, come vivono davvero milioni di italiani. Anche se il vostro mondo non è il nostro, le vostre scelte lo rovinano.

Senza aspettare il 2018, sarà un piacere mandarvi, tra quanti sopravviveranno all’azione della magistratura, a casa.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5936 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.