6 dicembre 2016

Il week end Aprilia di Laguna Seca

La gara numero 200 in Superbike per Leon Haslam, Gara2 a Laguna, verrà ricordata per la spettacolare e corretta battaglia tra il pilota inglese ed il compagno di squadra Jordi Torres. A spuntarla sotto la bandiera a scacchi è stato proprio il rookie spagnolo, al suo debutto sulla difficile pista californiana, che ha così raccolto un incoraggiante quarto posto.

In Gara1 Leon, che scattava dalla seconda fila, non ha trovato il guizzo migliore in partenza e ha dovuto lottare per recuperare posizioni. Complice lo scarso grip, il pilota inglese è incappato in una scivolata nella quale la sua RSV4 ha riportato danni anche alla leva del cambio. A quel punto Leon si è dovuto accontentare del tredicesimo posto finale.

Dopo la sua migliore qualifica della stagione (terzo tempo), Jordi Torres puntava a due belle gare. Nella prima partenza è rimasto incollato a Giugliano, prima che la mancanza di feeling gli imponesse di mantenere il suo ritmo senza poter agguantare il quarto posto. Posizione che Jordi ha invece ottenuto in Gara2, al termine di una lotta con il compagno di squadra che ha tenuto gli spettatori e il box del Team Aprilia Racing – Red Devils con il fiato sospeso. Dopo essersi scambiati la posizione più volte, Jordi e Leon hanno concluso la gara in quarta e quinta posizione.

Leon Haslam: “Purtroppo in Gara1 abbiamo sofferto, faticavo a tenere il ritmo e dopo la scivolata ho solo pensato a finire la gara, visti anche i danni riportati dalla mia moto. Abbiamo fatto un grande passo in avanti per Gara2, ho guidato molto meglio specialmente nelle prime fasi di gara. Poi il nostro ritmo è calato e mi dispiace, perché so che il potenziale della moto era più alto. Il problema più grande è stata la costanza, oltre a qualche difficoltà da parte mia in un paio di curve. Ora valuteremo le ulteriori modifiche da adottare in Malesia, un circuito dove possiamo essere molto competitivi”.

Jordi Torres: “Oggi abbiamo fatto un bel lavoro, sapevamo di poter fare bene dopo il terzo tempo di ieri in qualifica. Il nostro passo non era il migliore, specialmente in Gara1 dove ho sofferto con il grip al posteriore e non sono riuscito a restare con Giugliano. In Gara2 è andata molto meglio, nei primi giri ho faticato in staccata per le pastiglie nuove ma una volte che si sono sistemate sono riuscito a impostare il mio passo fino al sorpasso su Leon. Le modifiche tra le due gare mi hanno permesso di fare i tempi che avevamo previsto. Sono contento anche perché abbiamo individuato una delle aree dove andremo ad intervenire precisamente per le prossime gare, per far girare meglio la RSV4 a centro curva”.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5959 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.