3 dicembre 2016

Clima e lotta alla povertà: per la prima volta i sindaci in Vaticano

Foto Roberto Monaldo / LaPresse 09-07-2011 Roma Interni Caldo intenso in Italia, temperature oltre i 35 gradi Nella foto Turisti in cerca di refrigerioPhoto Roberto Monaldo / LaPresse 09-07-2011 Rome Intense heat in Italy, temperatures over 35 degrees In the photo Tourists in search of refreshment

“Sono i governanti più vicini alla gente. Considerando che, spiega mons. Marcelo Sànchez Sorondo, Cancelliere della Pontificia Accademia delle Scienze Sociali, la maggior parte dell’umanità si concentra in aree urbane e questa tendenza è destinata ad aumentare, le città con i loro sindaci, svolgono un ruolo chiave” per la gestione del bene comune e di una “polis” a loro vicina. “Non si tratta di conservarla come un museo, ma di svilupparla seguendo le leggi proprie della natura, senza devastare la nostra casa comune”.

I poveri e gli esclusi i più colpiti dalla crisi del clima

“I poveri e gli esclusi nonostante incidano minimamente sulle alterazioni del clima e vivano spesso nelle perferie delle città, prosegue mons. Sorondo, sono i più esposti alle terribili minacce derivanti dalle perturbazioni climatiche indotte dall’uomo. Tuttavia, oggi, l’umanità, ha alla sua portata le conoscienze scientifiche, gli strumenti tecnologici e i mezzi finanziari per invertire tale tendenza di origine antropica, ponendo fine, allo stesso tempo, alla povertà estrema con soluzioni che includono energie rinnovabili e a bassa emissione di gas serra”.

I sindaci di Napoli e Firenze in Vaticano

Con noi il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris e il sindaco di Firenze, Dario Nardella, che, consapevoli della loro vicinanza alla comunità dei cittadini, denunciano i tagli ai comuni decisi da politiche nazionali che ignorano le problematiche reali della società civile. Una mancanza di risorse che rischia di vanificare l’adozione di provvedimenti a favore delle città e degli insediamenti urbani, compresa la difesa dei poveri e degli ultimi, i più colpiti da eventi che possono derivare da alterazioni ambientali, economiche e sociali.
(Da Radio Vaticana)

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5925 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.