9 dicembre 2016

La passione senza tempo di Lucio Russo

A Piano di Sorrento il nome di Lucio Russo è sinonimo di buona cucina per tutti e di grande passione per i motori. Ad oltre settanta anni Russo delizia ancora i palati dei numerosi turisti che fanno visita ogni giorno al suo ristorante “Le tre arcate”, dove altre a poter gustare le prelibatezze della cucina sorrentina si possono ammirare i numerosi trofei vinti in auto a cavallo tra gli anni sessanta e settanta.

Premi ottenuti quando le competizioni automobilistiche avevano una dimensione umana: “Ho – racconta Russo – iniziato a 27 anni. Durante la settimana lavoravo nella pasticceria di famiglia, mentre nei week end mi dedicavo alle corse. All’epoca c’era un clima dove ognuno andava per vincere e forte era la rivalità. Altrettanto forte, però, era la sportività. Nel 1970 giunsi secondo nella classe 1000 del campionato italiano alla guida di una Fiat 600 ed il primo mi fece i complimenti perché l’avevo impegnato non poco”.

In Lucio è proprio la Fiat 600 a far scattare la scintilla amorosa: “Avevo – spiega – una Fiat 600 che veniva elaborata da Michele Terminiello. L’impianto di Vallelunga era la nostra pista preferita e lì ho vinto il Trofeo Agip e la Coppa Fiat. Decisi, poi, di fare il grande salto ed acquistai una 600 che era il muletto di Ortner, il pilota di riferimento dell’epoca nonché portacolori della scuderia Abarth. Era allestita per affrontare la 4 ore di Monza ma con piccole modifiche la adattammo per le gare in salita. Con lei ho fatto mie la Coppa Sila, , la Rieti-Terminillo, la Ascoli- Colle San Marco, la Coppa di Popoli e la mitica Amalfi-Agerola. Ricordo come se fosse ieri la data del 29 giugno del 1970, quando nella categoria 850 Turismo in molti notarono la mia guida. Gli anni che ho vissuto agonisticamente erano anni dove il pilota riusciva ancora a fare la differenza. Le gare avevano una dimensione meno salottiera e più coriacea. Sono stati anni bellissimi e quando ripenso alle tante sfide affrontate, non nascondo che mi viene il magone”.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5987 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.