23 febbraio 2017

Estradato in Italia Wahid El Amir, nel 2014 aveva sfregiato la compagna

Personale del Servizio per la Cooperazione Internazionale di Polizia (SCIP) della Direzione Centrale della Polizia Criminale riporta in Italia il cittadino libico Wahid El Amir.

L’estradato, nel pomeriggio odierno, giungerà allo scalo di Fiumicino proveniente da Amsterdam, dando seguito a un Mandato di arresto europeo in esecuzione di un Provvedimento emesso dalla Procura della Repubblica di Roma inerente il reato di maltrattamenti in famiglia con l’aggravante dei futili motivi.

I fatti risalgono al 5 ottobre 2014, quando dopo una segnalazione giunta al 112, i Carabinieri intervennero in Via Tolmino nr. 43, dove era stata segnalata una violenta aggressione in danno di una donna, e scoprirono che l’uomo da tempo perpetrava atti di violenza fisica morale e psicologica, anche in presenza di un minore, verso la allora convivente, una donna romana di 31 anni.

In particolare, per motivi di gelosia, sottoponeva la donna ad una vera e propria segregazione, tenendola chiusa in casa, impedendole di incontrare altre persone, con l’accusa costante di avere degli amanti ed aggredendola ripetutamente con atti di violenza sul corpo e sul volto, cagionandole lesioni, solo in alcuni casi refertate.

Nell’ultimo di questi episodi, brandendo un coltello, la colpiva con un fendente che provocava alla donna una lesione gravissima, lo sfregio permanente del viso.

Il pronto intervento dei Carabinieri del Nucleo Operativo Roma Parioli ha però permesso di cristallizzare il quadro investigativo fin dal principio, tramite un’accurata attività di repertamento e sopralluogo che, congiunta alla numerose testimonianze raccolte, ha permesso di concentrare le attenzioni sul Wahid, personaggio noto agli investigatori per i numerosi precedenti penali accumulati in passato.

A nulla è valso il tentativo dello stesso indagato di celare la sua vera identità, utilizzando delle generalità non autentiche: le indagini svolte, infatti, hanno permesso di accertare che il Wahid da tempo si spacciava per tale Tabib Maruan, nascondendo la sua vera identità addirittura alla stessa convivente.

Anche l’estremo tentativo di sottrarsi alla cattura con la fuga all’estero non ha sortito il risultato sperato se si considera che gli accertamenti realizzati dai Carabinieri, tramite lo studio dei tabulati e del traffico telefonico, hanno consentito di individuare il ricercato in Olanda: i frequenti contatti dello SCIP con le Autorità olandesi hanno permesso il rintraccio ed il rimpatrio del Wahid per espiare la giusta pena.