7 dicembre 2016

Calcio – Totti: “Contro Real Madrid è sempre una grande gara”

Domani a Melbourne per Francesco Totti non sarà di certo la prima sfida contro il Real Madrid: “Quella contro il Real Madrid è sempre una grande sfida, non è di certo da considerarsi un’amichevole come le altre”.

Il Capitano giallorosso, che in passato ha segnato tre reti in partite ufficiali agli spagnoli, uscendo anche tra gli applausi del Santiago Bernabeu, quest’anno però non troverà di fronte a sé il portiere Casillas, battuto lo scorso anno nell’amichevole di Dallas: “È un peccato non poterlo incontrare, abbiamo giocato contro in diverse occasioni e non è solo un grande giocatore, ma anche una grande persona. Domani, però, ce la vedremo contro una delle squadre più forti del mondo e questa è sicuramente una cosa emozionante”, ha dichiarato Francesco Totti nella conferenza stampa alla vigilia di Real Madrid-Roma, primo match della International Champion Cup che si terrà al Melbourne Cricket Ground.

L’Australia per te ha un sapore particolare, legato al rigore segnato al Mondiale 2006 contro i socceroos:

“In quell’occasione, per fortuna, andò bene a noi italiani: cose che nel calcio vanno così. È la prima volta che vengo in Australia, questa nazione mi mancava. L’accoglienza è stata più che positiva. L’affetto dei tifosi all’estero è sempre una cosa speciale”.

Quali sono le tue impressioni sulla città di Melbourne?

“Finora abbiamo avuto solo occasione di allenarci, speriamo che il mister ci dia qualche ora per visitarla (ride, ndr…). Melbourne è sicuramente un bella città, siamo molto contenti di essere qui. È troppo lontana e finora l’avevo vista solo in occasione del Gran Premio di Formula 1, ma la prima impressione è che mi piace moltissimo”.

Cosa ne pensi di Dzeko? Lo convincerai a venire a Roma quando lo incontrerai qui all’International Champions Cup?

“Non sta a me convincerlo…C’è già Pjanic che è suo connazionale e lo conosce molto bene. Parliamo di un top player, formidabile sotto porta: potrebbe aiutarci a migliorare rispetto allo scorso anno”.

Hai effettuato tanti tipi di preparazione nella tua carriera: cosa pensi dei vari modi di lavoro in vista della nuova stagione?

“I ritmi di preparazione da 20 anni a questa parte sono diversi, prima ci si basava più sul fondo, oggi più sull’utilizzo della palla e sulla velocità. Ci sono squadre spagnole e inglesi che si basano quasi esclusivamente sull’utilizzo del pallone e riescono ad arrivare sempre fino in fondo nelle competizioni che contano. Chissà perché o sono più forti o perché lavorano meglio, ma questa è comunque una cosa che ti porta a fare meglio”.

(Foto LaPresse)

www.asroma.it

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.