11 dicembre 2016

Formula 1 – Il rovescio della medaglia

L’estate della Formula 1 si appresta ad essere da bollino rosso, causa anche allo strapotere devastante della Mercedes che sta creando non pochi problemi in casa di tutti i team, soprattutto ai motoristi concorrenti costretti ad una rincorsa da “mission impossible” In particolare, i problemi di Honda e Renault, si stanno ripercuotendo in modo negativo sui risultati di McLaren e Red Bull

MCLAREN-HONDA

La situazione in casa del team di Woking non è certamente delle più felici. Dalle ultime interviste rilasciate da Ron Dennis ed Éric Boullier trapela una situazione nuova per un team blasonato come il loro, ma non certo una novità per quei piccoli team che per forza maggiore hanno dovuto affrontare per restare in Formula 1. Dennis ha dichiarato che un team come il suo non può di certo accontentarsi un motore cliente, poiché non gli garantirebbe la possibilità di lottare per la vittoria. Anche per questo è nata la sfida con Honda. Dall’altra parte però il suo Racing Director – Éric Boullier – si lamenta che senza i risultati è difficile trovare sponsor importanti. Dopo aver criticato a lungo i piccoli team, ora stanno provando cosa significa dover cercare sponsor occupando costantemente l’ultima posizione. Gli va bene che non devono pagarsi anche il propulsore. I piccoli team, come la Minardi, arrivavano a novembre ancora senza un motore (a pagamento), con le gomme da pagare e dovendo andare alla scoperta di nuove aziende, per poi subito l’attacco da parte del marketing dei top team (McLaren in primis). C’è sempre stata troppa presunzione e alcuni Team Principal non hanno mai voluto contenere i costi. E’ giunto il momento di fare mea-culpa. Contemporaneamente sembra sia stato avvistato un importante personaggio del passato McLaren dalle parti di Monaco… – See more at: http://www.minardi.it/il-rovescio-della-medaglia/

Gian Carlo Minardi

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5996 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.