10 dicembre 2016

Fiumicino – Il 30 luglio Matteo Miceli in solitaria da Fiumicino ad Hammamet

E’ stata presentata ieri mattina, presso l’aula consiliare la “Carthago Dilecta Est Liberi di navigare”, regata che unisce il Comune di Fiumicino con la Tunisia e che vede nel Circolo Velico Ventotene il Comitato Organizzatore. Protagonista assoluto, in questa edizione, sarà il campione di vela e navigatore solitario Matteo Miceli. Tra i presenti il sindaco Esterino Montino, gli assessori Angelo Caroccia e Annamaria Anselmi, l’organizzatore Mauro Ugazio, l’ambasciatore della Tunisia in Italia Naceur Mestiri, ex ambasciatore italiano in Tunisia e presidente onorario della Carthago Armando Sanguini, il comandante del Porto Yasmine Hammamet Imed Mzoughi, rappresentanti della Capitaneria di Porto, il Presidente della FIV Lazio Alessandro Mei. E poi, naturalmente, Matteo Miceli che, per tantissime edizioni, ha partecipato a questa regata verificando anche in questa parte di mare le performance delle sue imbarcazioni e che, stavolta con il Classe40 Patricia II, tenterà il tutto per tutto per battere il record Fiumicino-Hammamet.

“Penso che dobbiamo assolutamente continuare questo lavoro di sensibilizzazione – ha spiegato il sindaco Montino – che riguarda rapporti che diventano sempre più stretti con tutti i paesi di questo travagliato mare nostrum che vede, anche in queste settimane, dei momenti difficili. Il senso di questa regata è riproporre un’iniziativa di pace, un dialogo aperto e di assoluta collaborazione. E’ cambiata, a questo proposito, la forma: non la regata con la partecipazione di più imbarcazioni bensì una navigazione solitaria con un testimonial d’eccezione come Matteo Miceli, che ringrazio pubblicamente per la sua disponibilità”.

La data fissata per la partenza, condizioni del mare permettendo, è il 30 luglio.

About Emanuele Bompadre 8290 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.