5 dicembre 2016

Il Consiglio ha cominciato l’esame della delibera sulla Tangenziale ed ha sospeso temporaneamente i propri lavori

La seduta del Consiglio è proseguita con l’esame l’esame della delibera n. 606 per l’espressione del parere favorevole alla realizzazione del progetto denominato “Tangenziale di Napoli – Stazione di Capodichino. Nuovo fabbricato e nuovo piazzale”, illustrata dall’assessore alle Politiche Urbane, Urbanistica e Beni comuni Carmine Piscopo. Dopo ampio dibattito, la seduta è stata sospesa temporaneamente per consentire un incontro programmato tra i Capigruppo e una delegazione di lavoratori e sindacalisti di alcune realtà produttive in crisi.

Nella illustrazione della delibera n. 606, l’assessore Piscopo ha spiegato che la delibera, interamente finanziata dalla società Tangenziale di Napoli che l’ha proposta, viene all’attenzione del Consiglio perché questo esprima il proprio parere sotto il profilo urbanistico per una parte molto limitata dell’area interessata al progetto. In considerazione del rilevante interesse pubblico dell’opera, che ha ricevuto tutti i pareri necessari, l’assessore ha chiesto di approvare la delibera 606.
Prima di passare alla votazione si è svolto un dibattito su questioni procedurali (sull’ordine con il quale si stava procedendo all’esame delle proposte), con interventi della consigliera Caiazzo (Misto – Federazione dei Verdi), Iannello (RD – Red), Grimaldi (FdS), Moretto (Fd’I), che ha contestato la conduzione dell’Aula, e Capasso (Città Ideale), dopo di che il Consiglio ha deciso, su proposta di quest’ultimo, di completare l’esame della delibera sulla Tangenziale per poi riprendere la discussione dai primi due punti all’ordine dei lavori che erano stati inizialmente posposti.
La presidente della Commissione Urbanistica, Teresa Caiazzo, ha relazionato sui lavori svolti dalla Commissione sulla delibera rispetto alla quale permangono numerosi dubbi non essendo nel frattempo intervenuti i chiarimenti richiesti alla società. Il consigliere Santoro (NCD) ha quindi proposto che la delibera ritorni in Commissione. Il Presidente Pasquino ha ricordato che la delibera era già venuta precedentemente all’attenzione dell’Aula dopo l’ulteriore esame della Commissione. Il Presidente della Commissione Affari Istituzionali, Troncone, che ha approfondito la proposta, ha ribadito le perplessità sia sull’aumento di volumi che su altri aspetti tecnici dell’intervento, non chiariti dallo studio richiesto e non pervenuto.
Nel dibattito sono anche intervenuti i consiglieri: Crocetta (Iniz. Riformista), che ha illustrato l’emendamento presentato incentrato sulla necessità di interrompere lo sfruttamento commerciale della Tangenziale con la risoluzione della Convenzione relativa, Attanasio (Misto – Federazione dei Verdi), che ha illustrato il proprio ordine del giorno di proposta di un azionariato popolare per la gestione della Tangenziale e quello per la piantumazione di nuovi 200 alberi; Palmieri (NCD) per il quale punto cruciale è l’assenso dato, in via del tutto eccezionale, pur senza il Piano di rischio aeroportuale, da parte dell’ente di volo (ENAC); Rinaldi (SiM) che ha evidenziato forzature e incomprensioni nella maggioranza che poco hanno a che fare con l’atto realmente in discussione; Moretto (Fratelli d’Italia) spiegando come dietro il dissenso all’approvazione dell’atto esistono dubbi non ancora risolti sulla sicurezza del progetto, perplessità che ha spinto la commissione Urbanistica a non pronunciarsi sull’atto proprio per mancanza dei chiarimenti richiesti; Lebro (La Città-Campania Domani) che ha ricordato la necessità di dare una risposta al progetto contenuto nell’atto deliberativo che risponde ad esigenze di sicurezza, evidenziando però una sofferenza del Consiglio e della città rispetto ad una serie di problemi che riguardano la Tangenziale, sofferenza che andrebbe risolta attraverso un mandato al Sindaco di aprire un confronto sulla questione della concessione; Borriello (Partito Democratico) che ha espresso perplessità sulla confusione tra la questione della concessione e il merito dell’atto, che riguarda esclusivamente lavori per aumentare la sicurezza stradale, aspetto al quale non può assolutamente derogarsi; Marino (Città Ideale) che ha concordato sull’improrogabilità della decisione ed ha definito errato il riportare l’atto a valutazioni e interessi che nulla hanno a che vedere con l’esigenza della sicurezza stradale, come evidenziato dall’assessore Piscopo.
Nel corso della replica, l’assessore Piscopo ha confermato che il senso della delibera, per il quale la stessa è stata sottoposta al Consiglio, è l’espressione del parere favorevole per una piccola parte dell’intervento e, nel merito dei rilievi fatti , ha ribadito che l’area non è interessata a rischio idrogeologico, che sono stati forniti tutti gli approfondimenti dai tecnici in commissione, che l’Enac e tutti gli altri enti interessati hanno espresso parere favorevole perché il progetto ottempera alle normative di sicurezza, che, infine, i chiarimenti richiesti dalla Commissione alla società sono stati forniti, mentre i progetti in dettaglio saranno presentati, come previsto, alla Conferenza dei servizi.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5947 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.