7 dicembre 2016

I report confermano: il 2014 anno più caldo di sempre sulla Terra

“I rapporti internazionali lo confermano: il 2014 è stato per la Terra l’anno più caldo da quando si tengano registri delle temperature”: così lo ‘State of the Climate in 2014 report’, diffuso oggi dalla American meteorological society (Ams) e compilato dal Center for weather and climate at the national centers for environmental information del Noaa, la National oceanic and atmospheric administration, agenzia ambientale e meteorologica degli Stati uniti. Il rapporto è stato realizzato grazie al contributo di 413 scienziati da 58 Paesi di tutto il mondo.

“Nel 2014 i principali indicatori del clima in mutamento della Terra continuano a riflettere le tendenze di un Pianeta che si sta riscaldando– segnala lo ‘State of the Climate’- con alcuni marcatori come quelli relativi all’aumento delle temperature della superficie della terra e degli oceani, dei livelli del mare e dei gas serra che fanno segnare nuovi record”.

“Questo rapporto fornisce dati da tutto il globo, da centinaia di scienziati, e rende l’immagine di ciò che è accaduto nel 2014- dice Thomas R. Karl, direttore del National centers for environmental information del Noaa- la varietà degli indicatori ci mostra come il nostro clima stia cambiando, non solo nella temperatura ma delle profondità degli oceani fino all’atmosfera esterna”.

Ed ecco alcuni dati.

“I gas serra continuano a salire”, segnala il rapporto. Le principali concentrazioni di gas a effetto serra, tra cui biossido di carbonio, metano e protossido di azoto, “hanno continuato a salire nel corso del 2014, ancora una volta, raggiungendo valori storici elevati”. La concentrazione atmosferica della CO2 nel 2014 è salita di 1,9 parti per milione (ppm), raggiungendo una media globale di 397.2 ppm nell’anno, da paragonare alla media di 354 ppm del 1990, quando fu pubblicato per la prima volta il rapporto, 25 anni fa. “Temperature record rilevate in prossimità della superficie terrestre”: infatti “quattro set di dati globali indipendenti hanno dimostrato che il 2014 è stato l’anno più caldo mai registrato. Il calore era diffuso in tutte le aree del territorio”.

L’Europa ha registrato il suo anno più caldo di sempre, “con più di 20 Paesi che hanno superato i loro precedenti record”. L’Africa è stata sopra la media delle temperature per tutto il 2014, mentre l’Australia ha visto il suo terzo anno più caldo da quando vengono rilevati e registrati, il Messico il suo più caldo di sempre, Argentina e Uruguay il secondo. La parte orientale del Nordamerica è stata l’unica macroregione a sperimentare temperature annuali sotto la media.

“Il livello dei mari globalmente è ad altezze record”: il livello medio globale dei mari è salito fino a un record tenendosi al passo con la crescita rilevata negli ultimi 20 anni. “Le temperature di superficie dei mari sono a livelli da record”: la temperatura media globale registrata nel 2014 è la più alta di sempre. Il calore si è notato particolarmente nel Pacifico settentrionale. Gli oceani assorbono “oltre il 90% del calore eccessivo della Terra causato dai gas serra”, e anche per questo “i cicloni tropicali sono sopra la media ovunque”, segnala il rapporto. Ci sono stati 91 cicloni tropicali nel 2014, numero ben al di sopra della media 1981-2010 di 82 tempeste. Le 22 tempeste nel Pacifico Orientale e Centrale sono state le più numerose che sia siano verificate nel bacino dal 1992. In maniera simile al 2013, la stagione nel Nord Atlantico è risultata più tranquilla rispetto a quasi tutti gli anni degli ultimi due decenni, almeno per quanto riguarda il numero delle tempeste. “L’Artico ha continuato a riscaldarsi, l’estensione del ghiaccio è rimasta ridotta”.

L’Artico ha sperimentato il suo quarto anno più caldo dall’inizio delle rilevazioni nel 20esimo secolo. Lo scioglimento delle nevi artiche si è verificato con 20-30 giorni di anticipo rispetto alla media 1998-2010. Sulla North Slope dell’Alaska si sono registrate temperature da record a profondità di 20 metri in quattro dei cinque osservatori del permafrost. L’estensione minima del ghiaccio marino artico ha raggiunto 1,94 milioni di miglia quadrate il 17 settembre, la sesta più bassa tra le osservazioni satellitari iniziate nel 1979. Gli otto ‘minimi’ nelle estensioni di ghiaccio marino durante questo periodo si sono verificati negli ultimi otto anni.

Fonte: agenzia dire

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5976 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.