10 dicembre 2016

Calcio – Serie A, la Juventus presenta Khedira

Non poteva presentarsi meglio al popolo bianconero, Sami Khedira. Con un messaggio, letto in italiano, nel quale il centrocampista tedesco afferma:

“Nutro un grande rispetto per la vostra lingua e mi sto impegnando per impararla. Come tutti voi sapete – prosegue, sempre in italiano – arrivo dal Real Madrid. Poche squadre al mondo sono su questo livello e la Juve è una di esse: l’amore di tantissimi tifosi, l’eccellente organizzazione, rendono la Juve un grandissimo club, sono orgoglioso. Darò il massimo per continuare questa grande storia. Fino alla fine, Forza Juventus”.

Sollecitato dai giornalisti, Khedira racconta la sua scelta: “Avevo già deciso di vivere una nuova esperienza, dopo 5 anni a Madrid. Mi sono informato, ho anche chiesto qualche informazione a Morata, ma mi è servito pochissimo tempo per decidere”. Proprio Morata è stato suo compagno di squadra al Real: “Quest’anno ho visto come sia cresciuto moltissimo, mi sono davvero rallegrato. Mi ha impressionato anche in semifinale e non solo per i due gol: sempre al centro dell’azione, grande forza atletica: Alvaro è un grande giocatore”.

“Per me questa è una sfida bellissima, che non vedo l’ora di intraprendere – continua Sami – il calcio italiano è molto competitivo, ci sono squadre di alto livello e all’estero si porta molto rispetto per la Serie A. La Juventus ha dimostrato in questa stagione di essere fra i primi 4 team europei. Ecco perchè sono qui per raggiungere un’altra finale ed essere di nuovo al top in Champions. Per vincerla concorrono molti fattori, ci vuole forma fisica, fortuna e tante altre variabili. Ma la Juve ha le carte in regola per essere fra le migliori”.

A proposito di forma fisica, Khedira ha trascorso parte delle vacanze ad allenarsi: “E’ vero, ho lavorato sodo con un personal trainer, con e senza palla, per migliorare in particolare la resistenza: da lunedì ho proseguito un lavoro simile a Vinovo, con uno staff tecnico, quello bianconero, che trasmette professionalità e passione. Sono pronto a dare una mano sia a livello offensivo che difensivo: ho già parlato con Allegri, sono a sua totale disposizione, giocherò dove lui riterrà giusto. Il numero di maglia sarà il 28, quello con cui ho sempre giocato, già dai tempi dello Stoccarda”.

(Foto LaPresse)

www.juventus.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5993 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.