8 dicembre 2016

Il Consiglio comunale, dopo alcune commemorazioni e interventi urgenti, si è sciolto per mancanza del numero legale

Al termine della seduta, la Conferenza dei Capigruppo ha deciso che sarà revocata la seduta già prevista per domani, 15 luglio, e che sarà convocata una nuova seduta per venerdì 17 luglio. Resta confermata la seduta già convocata per il 16 luglio.
Il Consiglio comunale era iniziato con 31 consiglieri presenti. La seduta è stata aperta dalla commemorazione del Sindaco de Magistris di Vincenzo Cinque, luogotenente della Polizia Municipale deceduto dopo due mesi di agonia, e di Antonio Caldoro, ricordato dal Presidente Pasquino e dal consigliere Palmieri. Dopo alcuni interventi urgenti, su richiesta del consigliere Moretto, è stata verificata la mancanza del numero legale (22 presenti) e la seduta è stata sciolta.

Il Consiglio comunale, presieduto da Raimondo Pasquino, si è riunito oggi in via Verdi nella prima delle tre sedute programmate di lavori. Nell’ora che ha preceduto l’inizio della seduta, si è svolto il question time, presieduto dal Vice Presidente Frezza, con risposte dell’Amministrazione ai quesiti dei consiglieri: Moretto sulla messa in sicurezza dell’edificio di proprietà comunale di piazza Dante 76, con risposta dell’Assessore al Patrimonio Fucito e, a nome del consigliere Nonno, sulle problematiche relative al mercatino Morghen al Vomero, con risposta dell’Assessore alle Attività Produttive Panini, e sulla bonifica della discarica “Caselle-Pisani” di Pianura, con risposta dell’Assessore all’Ambiente Del Giudice; Capasso, sul progetto Sirena, con risposta dell’Assessore all’Urbanistica Piscopo.
Alla presenza di 31 consiglieri, il Sindaco de Magistris ha commemorato Vincenzo Cinque, luogotenente della Polizia Municipale, definendolo “un altro eroe della città”, eroe come Francesco Bruner, anch’egli nella Polizia Municipale col grado di capitano, intervenuti per evitare che altre persone innocenti cadessero sotto i colpi di un folle omicida. Questi esempi, ha detto il Sindaco, consentono alle istituzioni di riavvicinarsi ai cittadini, e per loro, che hanno dato la vita perché hanno sentito di essere cittadini, e napoletani oltreché poliziotti municipali, è stata già avviata la procedura per il conferimento della medaglia d’oro al valor civile. Mi stringo alle famiglie dei due poliziotti municipali, ha concluso de Magistris, che in questo tragico momento hanno dato grande esempio di coraggio e dignità.
Il Presidente Pasquino ha poi commemorato Antonio Caldoro, scomparso nel giugno scorso all’età di 91 anni, al termine di una vita spesa al servizio del sindacato e della politica. Sindacalista dei ferrovieri, diventò poi segretario generale della Camera del Lavoro di Napoli negli anni delle lotte per il riconoscimento dei diritti di operai e contadini. Deputato nelle file del Partito Socialista, fu sottosegretario alla Marina e ai Trasporti, e membro nella commissione per la stesura dello Statuto dei Lavoratori. Al ricordo di Antonio Caldoro si è associato il consigliere Palmieri, ricordando l’impegno di Caldoro anche nella veste di consigliere comunale di Napoli. L’Aula ha osservato un momento raccoglimento associandosi al cordoglio per la scomparsa di Vincenzo Cinque e Antonio Caldoro.
Il Sindaco ha poi comunicato la nuova formazione della Giunta dopo le dimissioni del Vice Sindaco Sodano e dell’Assessore Moxedano, con l’assegnazione della delega di Vice Sindaco e Assessore all’Ambiente a Raffaele del Giudice e della delega al Personale a Caterina Pace.
Ai sensi dell’art. 37 del Regolamento (questioni urgenti) sono intervenuti i consiglieri: Maurino (Federazione della Sinistra) sulla chiusura improvvisa del Bosco di Capodimonte nel corso della scorsa settimana, chiusura ufficialmente motivata da problemi relativi all’alberatura mentre la visita dei comitati evidenzia nuove volumetrie, abbattimento di alberi, possibilità di introduzione di un ticket di accesso, questioni sulle quali si chiede l’apertura di un tavolo tecnico con aperto ai cittadini e ai comitati per verificare quanto si sta facendo nel parco; Caiazzo (Gruppo misto- Federazione dei Verdi) che ha ricordato Ivan Grimaldi, giovane tetraplegico scomparso ieri, dopo una dolorosa esistenza alle prese con la difficoltà di vita in un alloggio nelle Vele di Scampia senza che l’Amministrazione, pur sollecitata, intervenisse; smentendo le dichiarazioni rilasciate in proposito dagli assessori al Patrimonio e al Welfare, ne ha chiesto le dimissioni; Fiola (Partito Democratico) per denunciare il grave stato di degrado dei portici della Galleria Umberto, una situazione indecorosa che provoca pesanti ripercussioni sull’immagine della città e sul turismo; Troncone (Italia dei Valori) sulla lettera della società New Edenlandia che annuncia il licenziamento di 51 lavoratori a causa del mancato rilascio di autorizzazioni edilizie da parte del Comune che avrebbero impedito lo svolgimento di lavori necessari alla riapertura del parco; ha inoltre richiesto accertamenti di eventuali responsabilità di funzionari comunali e auspicato una decisione del giudice per la nomina di un nuovo soggetto imprenditoriale; Attanasio (Gruppo misto- Federazione dei Verdi) sui lavori in corso al Bosco di Capodimonte affinché venga chiarita natura e tempi degli interventi e informata la cittadinanza, sul lungomare, teatro di troppi eventi, specialmente nel fine settimana, con gravi ripercussioni sul traffico e sull’inquinamento e sui concerti allo stadio San Paolo, nonostante l’indirizzo espresso dal Consiglio comunale per la creazione di un palazzetto della musica nel parco di Coroglio, questioni sulle quali si attendono risposte concrete; Frezza (Italia dei Valori) sulla necessità di migliorare le carenze gestionali e le inefficienze relativamente agli interventi della Napoli Servizi, sulla mancata rimozione delle ceppaie a via Foria dopo il taglio degli alberi e la necessità di provvedere con appalti di manutenzione ad hoc.
Dopo l’intervento del consigliere Frezza, il consigliere Moretto ha chiesto la verifica del numero legale. Constatata la presenza di 22 consiglieri, la seduta è stata sciolta per mancanza del numero legale.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5987 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.