5 dicembre 2016

Pallavolo – Va all’Iran il triangolare di Anguillara

Sin dai primi palleggi ci si è resi conto che l’Iran aveva mandato ad Anguillara una compagine fortissima, e soprattutto motivatissima. Quattro giorni di scontri a viso aperto con un andamento peraltro molto equilibrato, con un paio di secchi 3 a 0 che non rendono giustizia agli sconfitti che hanno ceduto le armi solo per pochissimi punti di scarto. Si comincia con il Brasile che soccombe alla squadra “persiana” che il giorno dopo tuttavia, viene affondata dalla nazionale italiana. Sembra quindi cosa fatta per i nostri giovani azzurri, ma i carioca lasciano solo un set agli Italiani che tuttavia riescono a disputare la finale di martedì per differenza set. Nonostante il tifo degli appassionati venuti a sostenere i giovani connazionali, gli Iraniani si aggiudicano il trofeo con un secco 3 a 0 costruito su un attacco tanto micidiale quanto fantasioso e su una difesa praticamente impenetrabile.

Felicissimi i vincitori che il giorno dopo sono ripartiti per la Germania per continuare il loro tour europeo più che orgogliosi del trofeo sabatino. L’organizzazione, in pratica Saverio Fagiani, è più che soddisfatta dell’andamento del torneo che si è svolto comunque tra mille e mille piccole difficoltà grazie anche e soprattutto a disponibilissimi sponsor. Non tutto è stato” rose e fiori” purtroppo. Forse il paese non ha fatto una splendida figura con chi si è trovato di fronte il degrado in cui da tempo versa l’area sportiva, e certamente la temperatura del palasport è più congeniale a dei precotti che ad un pubblico composto da esseri umani, ma tant’è, questa è l’offerta… Minori delle aspettative le presenze dei tifosi: solo i giovanissimi e i loro stoici genitori si sono presentati ai quattro appuntamenti.

Evidentemente lo sport ha un’attrattiva diversa da quella delle fraschette dei “lattarini di importazione” o dei fiori di zucca! Dispiace inoltre non aver potuto salutare nessuno degli atleti sabatini che militano nelle due squadre di serie C che secondo me hanno perso un’ottima occasione per imparare qualcosa su quella splendida disciplina sportiva che è la pallavolo. Peccato, un vero peccato.