Ipotesi referendum per bloccare le trivelle nel Mar Ionio

Oltre la protesta, il referendum. Si fa strada l’ipotesi della consultazione popolare contro le ricerche ed estrazioni petrolifere, soprattutto nel Mar Ionio, su proposta delle Regioni italiane. “Mercoledì, a Policoro, nella manifestazione No triv, mi farò interprete dell’esigenza di una consultazione popolare, per abrogare le norme che consentono attività legate agli idrocarburi sottomarini”. Ad Annunciarlo è il presidente del Consiglio regionale della Puglia uscente, Onofrio Introna, che come il governatore Michele Emiliano sarà in Basilicata il 15 luglio con il Gonfalone della Regione, a ribadire la ferma opposizione alle trivelle, confermata da anni dall’Assemblea pugliese.




Il progetto referendario è stato lanciato a tutti Consigli regionali dal Coordinamento nazionale No triv-Associazione a Sud, e l’Abruzzo ha già comunicato l’assenso di massima. Intanto, spiega Introna, “si tratta di un referendum abrogativo dell’articolo 35, comma 1 del decreto Sviluppo del 2012, che porta la firma del governo Monti, ma sotto tiro potrà finire quanto prima anche lo Sblocca Italia-Sblocca trivelle del governo Renzi”. Pur ampliando il divieto di attività petrolifere alle 12 miglia marine, lungo tutta la fascia costiera italiana, il decreto Monti del 2012 ha salvato i procedimenti già avviati a quel momento, di fatto validandoli.

“Il risultato- osserva Introna- è che si è affermato un divieto per il futuro, ma si è allo stesso tempo spalancata la porta alle istanze già presentate dalle multinazionali a quella data. Condivido l’esigenza di preservare tutti i mari e le coste italiane dall’impatto: Sicilia, Ionio e l’Adriatico dal Salento all’arco veneto-giuliano per difendere dalla marea nera le spiagge, il turismo, la balneazione, la pesca. Resta il fatto, inoltre, che attendiamo ancora da Bruxelles una moratoria dello sfruttamento degli idrocarburi sottomarini , ai quali tutta la Comunità dovrà attenersi”.

Fonte: agenzia dire

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 8659 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.