7 dicembre 2016

Vogliamo votare anche noi sull’austerità

Le ore che ci separano dalla giornata di domenica saranno in tutta Europa ore di iniziative diffuse, con gli occhi puntati a quanto avviene a Bruxelles, con l’impegno di tutti coloro che hanno sostenuto il popolo e il governo greco a produrre il massimo della mobilitazione nel caso in cui la situazione precipitasse e la scelta delle elitès europee fosse lo strangolamento definitivo della Grecia.

L’elementare ragionevolezza delle argomentazioni portate la Tsipras nel dibattito al Parlamento Europeo – il fallimento conclamato delle politiche di austerità, l’insostenibilità del debito greco attestata dallo stesso FMI e la denuncia del ruolo che gli “aiuti” hanno avuto nel salvataggio non del popolo greco ma delle banche francesi e tedesche, la rivendicazione di una prospettiva progressiva per l’Europa tutta – si scontra con il nocciolo duro degli interessi tutelati da quelle elitès, esemplificati in maniera emblematica dal voto contemporaneo sul TTIP. Come per il Trattato di commercio a prevalere deve essere la remunerazione degli investimenti privati rispetto a qualsiasi forma di tutela pubblica del lavoro, dell’ambiente e dei diritti, così le politiche messe in campo nella crisi ed in particolar modo la gestione del debito non paiono avere altro scopo che quello di determinare la privatizzazione e mercificazione integrale di ogni sfera della riproduzione sociale, che deve essere ricondotta a terreno di valorizzazione del finanzcapitalismo. E’ il rovesciamento del modello sociale europeo, del costituzionalismo democratico del dopoguerra, costruitosi sulla necessità di sottrarre alla pura logica di mercato, diritti inalienabili garantiti dal ruolo pubblico, nell’intreccio costitutivo con la partecipazione popolare, con l’esercizio della democrazia. Se il nesso tra l’estremismo neoliberista delle politiche di austerità e la distruzione della democrazia è fondante, come esemplificava qualche tempo fa J.P. Morgan, altrettanto fondante della costruzione di un’alternativa deve essere la centralità della questione democratica, dell’esercizio, del rinnovamento e delle nuove declinazioni della sovranità popolare. E’ questo del resto il significato profondo del referendum greco, l’alterità politica assoluta della rimessa del proprio mandato nelle mani di milioni di persone, la rottura dello spazio chiuso delle elitès governanti con l’irruzione della volontà popolare. “Che succederebbe se l’Italia, o più probabilmente la Spagna di Podemos, seguissero l’esempio di Tsipras?” ha scritto Rossana Rossanda. Che succederebbe se fosse possibile votare in Italia come nel resto d’Europa sulle politiche di austerità, a partire dal Fiscal Compact? Che succederebbe se invece di confinare il referendum greco nell’eccezionalità pretendessimo che diventasse la norma, pretendessimo che la partecipazione popolare fosse un “ingombro” non rimuovibile? La sinistra italiana che pur ancora frammentata si è trovata ad Atene nel giorno del referendum, che ha maturato la consapevolezza della necessità di produrre un’alternativa tanto a questa costruzione europea quanto alla sua declinazione in salsa italica, potrebbe e dovrebbe assumere un’iniziativa forte e continuativa su questo terreno. E se la nostra Costituzione vieta il referendum sui trattati internazionali, la possibilità che già alcuni avevano individuato di un referendum di indirizzo – attivato da una legge costituzionale di iniziativa popolare – sul modello del referendum che si tenne nel 1989, è strumento utilizzabile. Non sarebbe certo esaustivo della discussione né dell’iniziativa a livello europeo e su scala nazionale. Ma il messaggio semplice del “vogliamo votare” sull’austerità e sul futuro di tutti, terrebbe aperta tanto la denuncia dell’insostenibile carattere oligarchico del disegno altrui, quanto l’assunzione del nesso costitutivo del terreno sociale e di quello democratico nella costruzione di un’alternativa. Come ha scritto Tsakalotos “Il legame fondamentale tra la democrazia e il funzionamento del sistema economico dovrà, dunque, essere posto al centro della risposta della sinistra alla presente crisi”.
di Roberta Fantozzi*
* segreteria nazionale PRC- SE

intervento pubblicato sul Manifesto

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5976 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.