6 dicembre 2016

MotoGP – GP del Sachsenring, la Honda rialza la testa

Prima della pausa estiva, le due HRC ufficiali di Marquez e Pedrosa si mettono dietro i rivali della Movistar Yamaha.

Impresa di Marc Marquez (Repsol Honda) in Germania. Il circuito del Sachsenring si rivela tracciato amico del campione del mondo che trionfa per il sesto anno consecutivo, centrando l’accoppiata pole position e vittoria.

Per il talento di Cervèra, si tratta della seconda vittoria del 2015, arrivata nel momento in cui era necessaria una risposta dopo l’episodio di Assen e quando la stagione è ormai giunta al suo giro di boa. La classe regina MotoGP™ va in vacanza, ma i giochi restano aperti: tutto è infatti possibile nella seconda parte, nonostante i punti che dividono i protagonisti.

Valentino Rossi (Movistar Yamaha MotoGP) resta leader della classifica iridata, grazie al nono podio consecutivo del 2015: il pesarese non metteva a segno tale trend positivo dalla seconda parte del 2009, guarda caso, proprio a partire dal Gran Premio di Germania.

Il nove-volte iridato ha incrementato altresì il vantaggio in classifica sul team-mate Jorge Lorenzo, contro il quale aveva già dichiarato alla vigilia di questo round di dover fare la gara. Oggi il Dottore sapeva di non poter far molto contro queste Honda, ma può dirsi soddisfatto per quest’ennesimo podio, vista la situazione nella quale versava ieri in qualifica.

Piazza d’onore per Dani Pedrosa. Il pilota di Sabadell si ritrova tra i cordoli del Sachsenring e tira fuori la sua miglior performance della stagione. Seppur non in grado di tener il passo del suo compagno di squadra, il veterano di casa HRC lotta a denti stretti avendo la meglio su Lorenzo e difendendo la posizione dal ritorno di Rossi.

I “Fantastici 4” sono dunque tornati: ma il podio è fatto di soli tre gradini e chi vi rimane escluso oggi è Jorge Lorenzo. Nonostante l’avvio spettacolare, con tanto di sorpasso all’esterno (degno del suo soprannome) rifilato alle due RC213V alla prima curva, il maiorchino non ha lo stesso feeling dei rivali ed è costretto a limitare i danni. Il quarto posto odierno gli consente di non perdere troppo terreno dalla vetta della vetta della classifica, procedendo sulla strada della regolarità.

La Top Five è completata da Andrea Iannone (Ducati Team), ancora una volta miglior rappresentante della casa di Borgo Panigale. Il pilota di Vasto chiude con un gap di 10” da Lorenzo, e insieme ai primi due rivali della Yamaha è il terzo pilota ad aver finito sempre a punti in questi primi 9 round. L’abruzzese va in vacanza forte della terza posizione in classifica, ma ormai sente il fiato di Marquez sul collo, appena 4 punti dietro.

L’altra faccia della medaglia in casa Ducati ha visto il suo compagno di squadra Andrea Dovizioso finire anzitempo la sua corsa nella ghiaia mentre occupava l’ottava posizione provvisoria: quarta gara di fila da dimenticare per il forlivese, che dovrà utilizzare la pausa estiva per fare il punto della situazione e ricaricare le pile.

Il britannico Bradley Smith (Monster Yamaha Tech3) si conferma miglior pilota satellite grazie al sesto posto assoluto, posizione che fa sua tanto in gara quanto nella classifica iridata, ai danni del connazionale Cal Crutchlow (CWM LCR Honda) e del compagno di squadra Pol Espargarò.

Danilo Petrucci (Octo Pramac Racing) si riaffaccia nella Top 10 eguagliando il suo miglior risultato stagionale già ottenuto al Mugello e al Montmelò. Il pilota di Terni al Sachsenring si è fatto valere, riuscendo a tenersi dietro le due Suzuki di Aleix Espargarò e Maverick Viñales e l’altra Desmosedici del colombiano Yonny Hernandez, in gran spolvero nelle prime battute.

Sul fronte “Open”, Hector Barberà (Avintia Racing) vince la sfida della categoria avendo la meglio sulle Honda del rookie australiano Jack Miller e dello statunitense Nicky Hayden e soprattutto sulla Yamaha di Loris Baz (Athinà Forward Racing), penultimo e ampiamente fuori dalla zona punti.

Chi invece festeggia e di punti ne prende altri 2 è Alvaro Bautista (Aprilia Racing Gresini). Per la sesta volta su nove appuntamenti, lo spagnolo regala alla casa di Noale l’ennesima soddisfazione nel processo di crescita e rilancio dello storico marchio italiano nelle alte sfere del motociclismo mondiale.

Fonte: MotoGP.com

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5959 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.