5 dicembre 2016

La giornata motoristica osimana, per il tricolore Formula Challenge ha visto il successo

La seconda prova di Campionato Italiano Formula Challenge ha acceso i fari della Zona Artigianale Via dei Tigli, in località Padiglione, unico appuntamento tricolore che vede la fase finale disputata in notturna. Nella prova organizzata dall’Auximon Racing, notevole lo spettacolo in pista, da parte dei piloti dei nove raggruppamenti presenti all’appuntamento in terra marchigiana, gratificato dalla presenza di numeroso pubblico. Tra le finali tutte su cinque giri del percorso di 1 km circa, sono state particolarmente combattute quelle del quinto, sesto e decimo raggruppamento. La gara del 1° ha visto inizialmente in testa il parmense Ercole Giorgi (Citroen Saxo), poi con una bella progressione è stato il pesarese Gabriele Giardini con una vettura gemella a passare in testa nelle fasi finali, con Giorgi fermo per problemi tecnici. Nel secondo il trevigiano Ido Barel (Opel Astra) ha battuto agevolmente Alessio Massini (Alfa 155), mentre nel terzo vittoria agevole per il teramano Francesco Macini (Fiat Punto Super 1600). Unico al via del quarto raggruppamento è stato il piacentino Alessandro Ferrari (Renault Clio Cup). Nel quinto raggruppamento gara decisa all’ultimo giro con il pilota di casa Mauro Capotondo (Peugeot 106), il più veloce in prova, che ha accumulato vantaggio sul piacentino Stefano Fantesini (Peugeot 106). E’ stato Fantesini però a prevalere nel giro conclusivo, con Capotondo penalizzato da alcuni birilli abbattuti poco prima del suo passaggio in una variante. Successo per un altro piacentino, Christian Bussandri (Peugeot 207) nel sesto raggruppamento, dove ha dovuto resistere giro su giro alla pressione del teramano Fabrizio Caprioni (Renault Clio). Nello spettacolare 8° raggruppamento, subito ko il poleman milanese Lorenzo Pippa, è prevalso suo padre Marco (Lancia Delta Evo) davanti al cesenate Natale Casalboni (Mitsubishi Lancer). Le migliori prestazioni assolute sono state quelle dei piloti del 9° raggruppamento: il bresciano Fabio Apostoli (proto Suzuki 1500) che ha costantemente distanziato il riminese Daniele Ravaioli (proto Yamaha 1000). Nel decimo raggruppamento con le auto storiche, vittoria insperata per l’osimano Giacinto Giacché su Fiat 131 Abarth, che all’ultimo giro ha avuto la meglio sul piacentino Giovanni Emilio Rizzi (Fiat X1/9 Dallara), più veloce nei primi giri. Le ricche premiazioni dei piloti hanno concluso un apprezzata giornata motoristica iniziata il gran caldo e terminata in un’atmosfera piacevolmente fresca, gran festa per il gruppo dell’Auximon Racing guidato da graziella Cingolani, che ha portato positivamente a termine una bella manifestazione, alla quale sono intervenuti il sindaco di Osimo Simone Pugnaloni e l’assessore allo sport Alex Andreoli, alle premiazioni sono intervenuti Fabio Luna delegato Coni Ancona, Giulio Rizzi direttore dell’AC Ancona, Massimo Golfetti delegato sportivo Marche Acisport ed il direttore di gara Gabriele Fidanza. Lo staff organizzatore ringrazia per il sostegno le aziende RS di Rosciani Sirena, Ceccarelli Autoforniture, Panificio Fior di Grano, Autofficina Accorroni e Nova Tecnostampi, oltre a tutti coloro che hanno contribuito ed hanno collaborato all’evento.

Classifica assoluta: 1° Apostoli (proto Suzuki 1500) in 3’36”828; 2° Ravaioli (proto Yamaha 1000) a 6”377; 3° Pippa M. (Lancia Delta Evo) a 19”793; 4° Bussandri (Peugeot 207) a 22”548; 5° Caprioni (Renault Clio) a 23”487; 6° Casalboni (Mitsubishi Lancer Evo IX) a 24”231; 7° Ferrari (Renault Clio Cup) a 29”973; 8° Fantesini (Peugeot 106) a 34”783; 9° Capotondo (Peugeot 106) a 35”736; 10° Martinelli (Peugeot 106) a 39”601.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5947 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.