4 dicembre 2016

Bracciano – Chiusura tempo pieno della scuola dell’infanzia comunale

A Bracciano, Comune ormai di quasi 20000 abitanti, nonostante ci sia una evidente penuria di strutture scolastiche e disponibilità di posti per bambini che vogliano frequentare la scuola dell’infanzia, il Comune da due anni non permette nuove iscrizioni per il “tempo pieno”, servizio in passato sempre fornito dalla scuola dell’infanzia comunale. Motivo di ciò : costo eccessivo!!!!

Tutto questo nonostante la scuola abbia ottenuto il riconoscimento della parificazione, ottenendo così contributi dallo Stato, e nonostante l’Amministrazione comunale abbia previsto il pagamento di una retta da parte delle famiglie. Parliamo di una scuola che è stata recentemente ristrutturata, apprezzata da tutti per l’elevato livello pedagogico e che attualmente non è sfruttata a pieno.

A Bracciano è elevatissimo il numero delle famiglie con genitori pendolari che hanno bisogno del servizio a tempo pieno: alle scuole statali ci sono liste di attesa infinite e l’unica alternativa sono quindi le costose strutture private, anch’esse comunque sature. Quest’anno, dopo lunghe battaglie da parte di un nutrito gruppo di genitori, il Comune aveva previsto nella domanda di iscrizione per l’a.s. 2005/2006 una “opzione” per un eventuale tempo pieno. Con una domanda d’iscrizione così fumosa e incerta tante famiglie hanno pensato ( bene ) di non correre rischi.

Non si può dare il tempo pieno “opzionale ” … Ne vale l’organizzazione familiare . A tutto questo va sommato un metodo di informazione e comunicazione da parte del Comune molto approssimato. Il risultato finale di tutte queste travagliate vicende (solo in minima parte riepilogate) è stato che il 7 luglio, l’Ufficio Pubblica Istruzione comunica verbalmente che il tempo pieno non verrà attivato per le nuove iscrizioni, e che le motivazioni verranno spiegate successivamente al nutrito gruppo di genitori che aveva perorato la causa fino all’ultimo.

L’attuale ultima classe a tempo pieno della scuola, il prossimo anno, sarà sola nel pomeriggio. Una scuola aperta nel pomeriggio solo per una classe, mensa e trasporto inclusi. Questo lo chiamano risparmio. È opinione diffusa che l’Amministrazione comunale voglia progressivamente portare a chiusura la scuola considerata solo un costo è una fonte di grane da risolvere. Il paradosso finale è che lo stesso Comune sta portando a compimento la costruzione di un asilo nido comunale: come intenderà gestirlo….?? Ogni commento ormai è scontato…..

Riceviamo e pubblichiamo