3 dicembre 2016

Ladispoli – Campo sportivo, M5S: “Un parco giochi per bambini ed una piazza immersa nel verde”

Caro Sindaco, rispondendo alla Sua affermazione che la giunta comunale ed il PD sono aperti e pronti al dialogo Le proponiamo di realizzare il nostro progetto, alternativo alla solita speculazione edilizia.

Ci risulta che il campo sportivo, zona non edificabile e destinata al verde pubblico ed ai servizi per la cittadinanza (destinazione stabilita dal Piano Regolatore Generale in vigore e dalla nuova Variante al Piano Regolatore in via di approvazione), possa essere espropriata per fini di pubblica utilità, con una cifra di circa un milione e mezzo di euro. Una volta acquisita al patrimonio comunale, l’area potrà essere ripulita e si potranno iniziare i lavori per la realizzazione di un parco giochi e di una grande piazza immersa nel verde, anche ad uso della Chiesa, oggi fortemente penalizzata dall’assenza di spazi adeguati; sarà possibile realizzare anche un grande parcheggio ad uso della cittadinanza.

Tale spesa ci sembra decisamente inferiore a quella da Lei preventivata di cinque milioni di euro, importo che Lei sbandiera ai quattro venti per giustificare la speculazione edilizia che vedrebbe trasformato il campo sportivo in palazzi di 4 piani e centro commerciale. Naturalmente il problema per l’Amministrazione è come reperire i fondi per tale progetto.

Le suggeriamo alcune iniziative per rivedere la spesa corrente del Comune e trovare fondi da investire in questo progetto per i cittadini. Ad esempio si potrebbe spostare il Comando dei Vigili in una sede comunale evitando di spendere 80.000 euro l’anno di affitto per l’attuale sede; altra iniziativa potrebbe essere quella di adottare un piano di pulizia degli arenili che preveda il coinvolgimento di personale interno all’amministrazione (Ala Servizi) senza ricorrere a cooperative esterne, che farebbe risparmiare altri 50.000 euro l’anno a noi cittadini. Si potrebbero tagliare alcune voci di finanziamento della Sagra del Carciofo, almeno la voce di spesa di 30.000 euro per l’acquisto di carciofi da un noto produttore locale, riducendo un pochino la spesa per questa importante manifestazione. Poi si potrebbe rivedere il costo annuo di pulizia del sottopassaggio della stazione, che ammonta a 20.000 euro l’anno, con scarsi risultati; tale spesa potrebbe essere dimezzata.

Potrebbe dimezzare anche i 120.000 euro di costo del Gabinetto del Sindaco, rivedendone la spesa; così come si potrebbero risparmiare 100.000 euro eliminando il “Gazzettino di Ladispoli”, mero strumento di propaganda politica, a vantaggio di forme di comunicazione più snelle ed attuali (mailing list, comunicati, uffici trasparenti, ecc.). Inoltre si potrebbero rivedere i costi, di circa 500.000 euro l’anno, di spesa per la manutenzione del verde pubblico, che probabilmente sono soldi spesi molto male, visto che i consiglieri di maggioranza hanno affermato recentemente che non ci sono i soldi neanche per potare gli alberi sul Viale Italia. Riorganizzando le risorse e rivedendo gli affidamenti alle ditte esterne attraverso bandi trasparenti, si potrebbero risparmiare ben 150.000 euro l’anno. Insomma Signor Sindaco, rivedendo la spesa corrente ed eliminando qualche costo superfluo, si potrebbero risparmiare circa 500.000 euro l’anno che potrebbero essere messi a disposizione di questo progetto, realizzabile in poco più di quattro anni.

Come vede se si volesse gestire il patrimonio ed i soldi pubblici a favore dei cittadini si riuscirebbero ad ottenere risorse importanti per la città. Naturalmente questo è possibile se si trascurano interessi di parte di pochi cittadini costruttori a favore del bene della comunità. Siamo certi che accoglierà la nostra proposta. Noi quando amministreremo faremo così! NB: Ci teniamo a precisare che taluni costi elencati nel comunicato potrebbero non essere esatti. La nostra vuole essere anzitutto un’indicazione sulla via da intraprendere. Il Comune di Pomezia, amministrato dal M5S, ha ereditato un debito di 200 milioni di euro e in soli 2 anni è riuscito a passare ad un attivo di 4 milioni. Parallelamente sta approvando un nuovo Piano Regolatore che blocca il consumo di suolo. LE ALTERNATIVE CI SONO SEMPRE quindi, sta tutto nella volontà politica di intraprenderle. Aggiungiamo che ogni progetto per la città va condiviso con i cittadini, fin dalla sua stesura. La PARTECIPAZIONE ATTIVA dovrebbe essere un cardine della politica e non una parola vuota da sbandierare all’occorrenza.

Lo dichiara il Movimento 5 Stelle di Ladispoli.