20 febbraio 2017

Fiumicino – Passo della Sentinella, botta e risposta tra Massimiliano Chiodi e Fabiola Velli

 

C’è ancora caos intorno alla spinosa vicenda legata al Passo della Sentinella e alla risoluzione delle varie problematiche legate al borgo di Fiumicino. Dopo le dichiarazioni (LEGGI QUI!) della portavoce del Movimento 5 Stelle non si è fatta mancare la risposta del consigliere Massimiliano Chiodi, capogruppo della Civica Massimiliano Chiodi.

Ho letto con curiosità ed interesse il comunicato firmato dalla Portavoce, Presidente della Commissione Trasparenza, Capogruppo e consigliera del M5S Fabiola Velli, evidentemente interessata ad apparire più che ad essere. La curiosità era destata dalla caparbietà con cui la consigliera è andata a ricercare una mia dichiarazione di anni fa.

Se l’avesse letta, e non solo ricevuta da terzi, si sarebbe resa conto che io chiedevo due cose alla politica: “una presa di pozione certa” dell’Amministrazione ed evitare la speculazione. Due richieste, che con la delibera approvata, sono state accolte visto che chiarezza è stata fatta: lontano dalle solite ambiguità, il progetto avverrà su terreni regionali, non privati, e pubblico sarà il soggetto costruttore. Rileggendo l’articolo oltre la critica, non sono riuscito a scorgere nessuna proposta alternativa su Passo della Sentinella perché, a fronte dei ripetuti “no”, come politici bisogna anche essere capaci di dare alternative percorribili, e questo non solo non l’ho trovato nell’articolo ma neanche ascoltato in aula.

Ho rinvenuto invece la capacità di cavalcare l’onda del momento su decisioni difficili, che in decenni nessuno ha voluto affrontare con il risultato di illudere i cittadini senza, al contempo, dare loro certezza alcuna sul futuro. Allora mi chiedo: se esistono soluzioni diverse, perché non sono state presentate in Commissione, in conferenza Capigruppo o in aula consiliare? Su questo punto il nostro programma elettorale parlava chiaro, prevedendo la messa in sicurezza di Passo della Sentinella e l’alleggerimento del nucleo abitativo. Da amministratori abbiamo, in primo luogo, il dovere di salvaguardare il territorio e l’incolumità delle persone cercando di prevedere i rischi possibili. Ricordo l’alluvione di qualche anno fa, dove dal pavimento delle case sgorgava acqua. Case in cui oltre un metro di fango ha invaso cantine, appartamenti e camere da letto costruite sotto terra rendendoci conto di come e in che modo assurdo si fosse costruito fino a quel momento a Isola Sacra. Tant’è che ci siamo affrettati a cambiare il regolamento.

Passo della Sentinella è soggetto a continui allagamenti, più o meno gravi, e a rischi di cui un’Amministrazione responsabile deve tener conto, senza aspettare che si verifichi la tragedia, magari tra dieci anni, come accaduto all’Infernetto solo qualche tempo fa. Ciò che indigna davvero, cara consigliera, è che nessun membro dell’opposizione, in conferenza Capigruppo, abbia davvero dato battaglia sulla delibera proposta dall’amministrazione, salvo poi cercare di dimostrare il contrario di fronte ai cittadini presenti in Aula.

Ciò che indigna davvero è che, per anni, gli abitanti di Fiumara Grande siano stati strumentalizzati. E magari qualcuno ne avrà pure tratto vantaggi personali: c’è chi muoveva qualche ruspa, chi portava camion di breccia, chi riempiva alberghi in periodi “fuori stagione”. Per quanto invece concerne il Porto turistico, il mio parere è quello di sempre: è un’opera faraonica, un progetto vetusto, non adeguato alle necessita della città, un progetto che richiede modifiche sostanziali, la cui concessione, a mio avviso, andrebbe ritirata dalla Regione.

Immediata la contro risposta di Fabiola Velli, M5S, dopo la chiamata in causa da Chiodi.

Solo poche righe di replica per rispondere al lunghissimo panegirico del Consigliere Chiodi. Come ormai ripeto da tempo la soluzione per Passo Sentinella va presa di concerto con i cittadini istituendo un apposito tavolo con tutte le parti interessate. Il ritornello sul fatto che il MoVimento5Stelle non proponga soluzioni è ridicolo oltre a non corrispondere a verita’.

L’argine si puo fare tranquillamente lungo il fiume, e la scelta di quel particolare percorso era invece dovuta semplicemente alla necessita’ di farci passare sopra la strada di collegamento con il nuovo porto turistico della Concordia. In quanto alla mia caparbieta’ voglio rassicurare il consigliere Chiodi, non ho perso tempo a cercare nulla, i cittadini hanno buona memoria e mi hanno segnalato l‘articolo in cui tuonava contro la delocalizzazione di Passo Sentinella. Ora Chiodi chiede nero su bianco addirittura il ritiro del progetto del Porto turistico da parte della Regione, spero non si debba rimangiare anche questo.

 

About Emanuele Bompadre 8993 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.