7 dicembre 2016

Roma verso il Giubileo, dalla messa ai pellegrinaggi torna la devozione popolare

Il ritorno della devozionalità popolare. A Roma il 62,2% dei cattolici va a messa, il 62,1% prega abitualmente, il 41,7% frequenta con regolarità i luoghi di culto, il 39,3% legge testi religiosi, il 23,2% fa pellegrinaggi, il 13,1% svolge regolarmente attività di volontariato in parrocchia. Sono numeri che descrivono un tendenziale ritorno alla devozionalità popolare. Che trova spiegazione nella forza con cui l’attuale pontefice ha ridato vita alla dimensione popolare della fede e nella sottile paura collettiva per l’estremismo islamico, con il conseguente bisogno di ritrovare identità e protezione nella religione dei padri. E si spiega anche con il fatto che decenni di individualismo, indifferenza, egoismo, nichilismo, narcisismo hanno creato un vuoto di senso che ora spinge a ritrovarsi in una comunità riconosciuta. La famiglia resta un valore. Sono tutti dati segnalati dal Censis in un comunicato.
A Roma l’80,3% delle coppie coniugate si è sposato con rito religioso (la percentuale sale all’85,5% tra i cattolici), il 19,7% si è unito con matrimonio civile. La trasmissione della fede avviene oggi all’interno di famiglie profondamente cambiate, che vivono il cattolicesimo in maniera diversa rispetto al passato. La famiglia però mantiene inalterato il suo valore. Per il 34,4% dei romani è il nucleo fondamentale della società. E per il 33,4% è l’unione sacra di un uomo e una donna davanti a Dio e agli uomini (tra i cattolici il dato sale in questo caso al 43,8%). Solo il 5,7% dei romani ritiene che la famiglia sia una istituzione superata, destinata a scomparire”.

I NUOVI CATTOLICI   – Il 40,4% dei romani cattolici si dichiara credente praticante, il 35,7% credente non praticante, il 22,9% pratica saltuariamente. E tra i non cattolici solo il 38,9% si dichiara ateo convinto, mentre il 43% afferma di essere agnostico. Quasi tutti i genitori cattolici (il 99%, dato che scende al 43,2% tra i non cattolici) hanno battezzato i figli e la grande maggioranza (il 79,7%) considera il battesimo un sacramento fondamentale che coinvolge l’intera comunità parrocchiale. È ancora molto diffusa anche la prima comunione: il 96,2% dei genitori cattolici (il 31,3% tra i non cattolici) l’ha fatta fare o la farà fare ai figli. La messa domenicale è il culmine della vita cristiana secondo il 30,1% dei cattolici, per il 26,6% è un’esperienza che aiuta a riflettere, per il 20,1% è una pratica di condivisione necessaria alla comunità dei credenti e solo per l’11,5% è un precetto poco significativo. Il 90,8% dei romani cattolici a Natale prepara l’albero, il 70% il presepe, il 51,1% va alla messa di mezzanotte. Ma il 32,3% dei genitori cattolici registra nel tempo un abbandono della religione da parte dei figli. A questo punto diventa fondamentale una figura di guida morale forte e coinvolgente: non a caso, il 77,9% dei romani cattolici considera oggi Papa Francesco il vero punto di forza del cattolicesimo”, continua il Censis.

LE ATTESE DELLA FAMIGLIA –  I cattolici romani vorrebbero una Chiesa capace di comprendere i problemi dei giovani d’oggi (98,3%) e delle famiglie (97%), una Chiesa francescana, umile (93,7%), che riscopra l’eredità del Concilio Vaticano II (88,3%). Ma anche che attribuisca alle donne un ruolo maggiore nell’organizzazione ecclesiastica (66,2%), che riconosca e accolga le coppie omosessuali, sebbene senza matrimonio né possibilità di adottare figli (64,3%). Oltre la metà dei cattolici romani (56,2%) pensa che i sacerdoti dovrebbero potersi sposare e fare i figli. Il principale punto di forza della religione cattolica oggi è individuato nel carisma di Papa Francesco (lo pensa il 67,4% dei romani, e la percentuale sale al 77,9% tra i cattolici), prima ancora del messaggio di amore (28%) e di speranza (24,3%). Della religione cattolica non si accetta però fino in fondo la morale sessuale: il 73,2% dei cattolici ritiene che il magistero della Chiesa dovrebbe prendere atto dei cambiamenti dei comportamenti sessuali e rivedere le sue posizioni facendo cadere gli ultimi tabù. Questi sono i risultati del 4° numero del diario ‘Roma verso il Giubileo’ del Censis, che ha l’obiettivo di cogliere e descrivere i principali temi nell’agenda cittadina in vista dell’Anno Santo attraverso una serie di note di approfondimento diffuse nel corso del 2015.
Fonte: agenzia dire

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5980 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.