3 dicembre 2016

Davanti a un milione di persone a Guayaquil il Papa invoca attenzione e sostegno alla famiglia

È stata la famiglia al centro della seconda giornata di Papa Francesco in Ecuador. Una «grande risorsa sociale» l’ha definita il Pontefice parlando davanti a una folla immensa di persone nella grande spianata del parco de Los Samanes a Guayaquil — dove ha presieduto la messa nella mattina di lunedì 6 luglio — e ricordando il suo ruolo insostituibile nella società.

Da qui l’appello a sostenerla garantendole aiuti e servizi. Che non sono — ha precisato Francesco — una sorta di «elemosina» ma un verso e proprio «debito sociale» nei confronti di un’istituzione che «tanto apporta al bene comune». Per il Papa la famiglia resta oggi un presidio per la vita di ogni società: è una scuola per i più piccoli, un punto di riferimento per i giovani, un luogo di accoglienza per gli anziani. Essa costituisce inoltre una “Chiesa domestica” dove si impara lo stile dell’amore e del servizio, e dove si trasmette ogni giorno la tenerezza e la misericordia.

In proposito Francesco ha fatto riferimento al giubileo straordinario, che si aprirà il prossimo 8 dicembre, e al Sinodo dei vescovi in programma nel mese di ottobre. L’invito del Papa è a maturare un vero discernimento spirituale per individuare soluzioni concrete alle sfide che la famiglia è chiamata ad affrontare. Con la certezza che anche quanto appare “impuro” o provoca scandalo e paura — ha assicurato — può essere trasformato da Dio in un “miracolo”.

L’omelia alla messa a Guayaquil

Il saluto ai fedeli di Quito

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5925 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.