4 dicembre 2016

Comunicazioni, la relazione di Agcom: “Banda ultralarga, arretratezza preoccupante”

“Se per la banda larga il divario e’ accettabile, gli indicatori sulla banda ultralarga presentano un grado di arretratezza preoccupante rispetto all’Europa”. Cosi’ il presidente dell’Autorita’ per le garanzie nelle comunicazioni Angelo Marcello Cardani, nella relazione 2015 illustrata a Montecitorio. L’Italia, spiega Cardani, “registra un livello di copertura del 36 per cento contro il 68 per cento dell’Ue a 28 e di conseguenza un digital divide doppio rispetto a quelle europeo e con situazioni regionali che arrivano al 100 per cento (ovvero totale assenza di reti a banda ultralarga). Ancora piu’ critica la situazione se si considera il livello di penetrazione: solo il 4 per cento delle famiglie utilizza connessioni maggiori di 30 Mbps, contro il 26% dell’Ue a 28. E praticamente nulle sono le connessioni maggiori di 100 Mbps (9% nell’Ue a 20)”.
MEDIA CLASSICI PERDONO 2MLD, DECLINO STRUTTURALE GIORNALI – Negli ultimi cinque anni “si e’ assistito in Italia ad una progressiva riduzione dei ricavi nel settore dell’informazione. I media classici (quotidiani, tv, radio) hanno complessivamente perso quasi due miliardi di euro, con una riduzione pari al 16 per cento nel periodo 2010-2014, con punte superiori al 30 per cento nel caso dei quotidiani.  Cardani aggiunge che “mentre la televisione, anche grazie alla sua funzione di intrattenimento, mantiene una posizione importante, i quotidiani soffrono un declino strutturale. In questo settore e’ necessario un radicale ripensamento del disegno istituzionale e regolamentare”.

WEB DIVENTA PRIMO MEZZO DI INFORMAZIONE – Media classici in calo vistoso, editoria online in auge, al punto che il web sta diventando il primo mezzo di informazione. “Occorre adottare un quadro di regole coordinate per i vari media, flessibile, al passo con l’evoluzione del sistema e in grado di continuare a garantire il pluralismo informativo”, spiega Cardani osservando come “il quadro dovrebbe tenere conto in particolare della specificita’ del web e del primario ruolo di mezzo di informazione che esso va assumendo in virtu’ dei molti operatori che agiscono come piattaforme di aggregazione, ricerca e condivisione sociale. In questo quadro occorre rivedere anche il ruolo dell’intervento pubblico a sostegno del sistema nazionale e locale dell’informazione”.

A QUESTI RITMI NEL 2020 DIMEZZATI INVESTIMENTI INFORMAZIONE – L’Autorita’ per le garanzie nelle comunicazioni mette in evidenza nella relazione annuale la grave crisi che colpisce il settore dell’informazione. Ai ritmi attuali, spiega l’Agcom, “nel 2020, gli investimenti in informazione saranno diminuiti di circa la metà, con significative conseguenze sul panorama informativo nazionale”. Il dato emerge da un’indagine condotta dall’Agcom che ha coinvolto gli editori, nazionali e locali, e le relative strutture redazionali. L’analisi sul giornalismo si e’ avvalsa di un Osservatorio sui giornalisti a cui hanno contribuito oltre 2.300 professionisti. Condotta anche un’indagine sul consumo di informazione (in collaborazione con il Reuters Institute presso l’Università di Oxford).
Fonte: agenzia dire

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5933 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.