3 dicembre 2016

Roma – M5s Metro “C”: “Inascoltati per un anno. Avevamo ragione sull’irregolarità dei lavori”

Il protrarsi dei lavori, le innumerevoli varianti di progetto, un contenzioso ancora pendente e l’ineluttabile aggravio dei costi a carico di tutti i cittadini.” A fine ottobre del 2014 il M5S apriva la propria conferenza stampa sulla Metro “C” intitolandola “Operazione trasparenza”. “Oggi apprendiamo dalla stampa che finalmente anche l’ANAC afferma in merito ai lavori per la costruzione della Metro “C”, l’assenza di trasparenza ed un sistema che garantiva vantaggi irregolari. Ad ottobre del 2014 consegnavamo nelle mani del presidente Cantone il nostro esposto. Ma già dal luglio del 2014 attraverso varie interrogazioni al Sindaco Marino ed alla giunta chiedevamo che ci venissero forniti tutti gli atti amministrativi e processuali prodotti in questa complessa vicenda per individuare i responsabili di un tale spreco di denaro pubblico. Chiedevamo la verifica della contabilità delle opere eseguite ed i lavori effettivamente pagati e chi avesse approvato ben 45 varianti di progetto.
Oltre a denunciare il gravissimo accordo del 9 settembre 2013 la cui approvazione portò allo scontro tra l’assessore alla Mobilità Guido Improta e l’allora assessore al Bilancio Daniela Morgante, già magistrato della Corte dei Conti, che infatti poco dopo si dimise, contraria alla sua approvazione, che ridefiniva le obbligazioni del contraente generale – società Metro C – limitandole alla sola esecuzione dei lavori prorogando i termini per l’ennesima volta e, soprattutto, prevedendo il pagamento di ulteriori 90 milioni di Euro per le richieste di METRO C, alterando gravemente il rapporto tra committente pubblico e general contractor. In tale situazione si ravvisa un palese danno erariale. Ci fa piacere constatare che sulle opacità ed irregolarità di un opera cosi importante per Roma, avevamo ragione.

Riceviamo e pubblichiamo