4 dicembre 2016

Dichiarazione del primo ministro Alexis Tsipras sull’esito del referendum

The head of radical leftist Syriza party Alexis Tsipras speaks to supporters after winning the elections in Athens January 25, 2015. Tsipras promised on Sunday that five years of austerity, "humiliation and suffering" imposed by international creditors were over after his Syriza party swept to victory in a snap election on Sunday. REUTERS/Marko Djurica (GREECE - Tags: POLITICS ELECTIONS) - RTR4MUZZ

Il referendum non ha vincitori né vinti.
Si tratta di una grande vittoria in sé.
Oggi, tutti noi abbiamo scritto un punto luminoso nelle pagine della storia europea moderna.
Abbiamo dimostrato che anche nelle circostanze più difficili, la democrazia non può essere ricattata, è un valore dominante e una via da seguire.
Abbiamo anche dimostrato che quando c’è convinzione e uno spirito collettivo, la gente può sopportare e superare anche i maggiori ostacoli.
Ringrazio di cuore tutti e ciascuno di voi individualmente.
Indipendentemente da ciò che è stato scelto nelle urne oggi, da ora in poi, siamo tutti uno.
E ‘nostro dovere fare del nostro meglio per superare questa crisi e vedere la Grecia risorgere.
Preservare la nostra unità nazionale, ripristinare la coesione sociale e la stabilità economica.
Voglio anche ringraziare le migliaia di cittadini europei che sono scesi in piazza in tutte le principali città europee, mostrando attivamente la loro solidarietà con il popolo greco.
Cari concittadini greci,
Date le condizioni sfavorevoli che hanno caratterizzato la scorsa settimana, avete fatto una scelta molto coraggiosa oggi. Tuttavia, sono pienamente consapevole che il mandato che mi avete dato non è quello di rompere con l’Europa, ma piuttosto di rafforzare il nostro potere contrattuale per raggiungere un accordo sostenibile, che si basi sulla giustizia sociale, con prospettive per il nostro futuro e per la fine del circolo vizioso dell’austerità.
E io agirò con questo mandato senza indugio.
Sappiamo tutti che non ci sono soluzioni facili.
Ma ci sono soluzioni giuste.
Ci sono soluzioni praticabili.
Questo se entrambe le parti mostrano questa volontà.
È importante notare che alla scelta storica e coraggiosa di oggi, il popolo greco ha risposto alla domanda corretta, cambiando così il discorso politico in Europa.
Non ha risposto alla domanda se rimanere o lasciare l’euro. Il dibattito intorno a questa questione deve cessare definitivamente. L’Europa non può semplicemente essere una strada a senso unico fatta di memorandum e austerità.
Il popolo greco ha risposto alla domanda: che tipo di Europa vogliamo?
La loro risposta è coraggiosa: vogliamo un’Europa della solidarietà e della democrazia.
A partire da domani, la Grecia sarà al tavolo dei negoziati.
La nostra priorità immediata è quella di ripristinare rapidamente il funzionamento del nostro sistema bancario e la nostra stabilità economica.
Sono fiducioso che la BCE comprenda pienamente non solo le condizioni economiche del nostro paese, ma anche il livello a cui la crisi umanitaria è arrivata nel nostro paese.
Siamo pronti a continuare a negoziare. Con un piano di finanziamento credibile. Con un piano di riforma credibile che avrà il sostegno della società greca. Con criteri di giustizia sociale e il trasferimento di oneri da chi è debole a chi è finanziariamente forte. E con un piano credibile in grado di promuovere la crescita e gli investimenti, in cooperazione con la Commissione europea.
Ora, anche la questione del nostro debito sarà sul tavolo dei negoziati alla luce della recente relazione del FMI sulla sua sostenibilità. Questa relazione non è stata introdotta in precedenza; era assente dai negoziati fino all’altro ieri. Si conferma la posizione greca secondo cui la ristrutturazione del debito è necessaria per raggiungere una soluzione sostenibile e finale per uscire dalla crisi, sia per la Grecia che per l’Europa.
Cari concittadini greci,
In questo momento, il nostro paese ha bisogno di stare unito, di mostrare sincera comprensione per superare le sfide che ha davanti.
Mi incontrerò a breve con il presidente per chiedere di convocare una riunione del Consiglio dei leader politici domani mattina; Io li presenterò i piani del governo, ma voglio anche ascoltare i loro suggerimenti.
Oggi celebriamo la vittoria della democrazia. Domani, noi tutti continueremo il nostro sforzo nazionale per raggiungere un accordo.
Con la fede del nostro popolo nei nostri sforzi, come un potente alleato.
Con la democrazia e la giustizia, che è dalla nostra parte, come un potente alleato.
Sono fiducioso che ce la faremo

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5933 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.