4 dicembre 2016

Anguillara – Emergenza scuola, De Rosa: “Muffa nera da 5 mesi nella mensa”

 

Muffa nera da 5 mesi nella mensa della scuola di “scalo di Anguillara Sabazia – l’amministrazione: “aspettavamo la fine delle piogge e che si liberassero gli operai comunali……”

Questa è stata la risposta dataci dal comune di Anguillara quando abbiamo esposto il problema. Il 7 Maggio 2015 alle 16.45 nella Sala Consiliare del Comune di Anguillara Sabazia l’incontro di Commissione Mensa scolastica. L’ultima dello scorso anno scolastico si era svolta sempre con la controparte comunale totalmente rilassata e soprattutto che dettava tempi e modi della riunione facendo sparare a zero sui genitori che illustravano i problemi riscontrati ridicolizzandone, come al solito, gli interventi. Dopo diversi anni precisamente 8 e dopo diverse lotte fatte, finalmente siamo riusciti a far cambiare il menu scolastico che per il ben che se ne voglia dire era senza fantasia e limitato, questo grazie alle pressioni che abbiamo esercitato lo scorso anno e precisamente da marzo 2014.

Il comune nella prima riunione del 2015, considerando il livello di attenzione a cui era sottoposto, ha cominciato con l’imporre delle riunioni con durata molto ristretta confronto alle precedenti, dicendo che tali riunioni non dovevano durare piu di un’ora, impedendoci quindi, di uscire da quelle tematiche cosiddette “Tranquille”. Abbiamo allora richiesto una Commissione Tecnica ristretta, il Comune ha approvato la nostra proposta considerando che, fosse come accaduto negli anni precedenti, la questione sarebbe decaduta col tempo cercando di isolare i promotori della richiesta. Considerando l’insistenza dei 4 membri di Commissione Mensa genitori, il Comune si è visto messo alle strette, soprattutto dopo aver ricevuto la nostra nota protocollata, con i punti che intendevamo discutere con loro. Sono più che altro domande alle quali, nessuno ha dato risposte ufficiali, eppure a loro dire tutto è stato fatto in regola e in maniera cristallina e trasparente…..ma allora perché non dare le risposte e meritarsi la stima dei cittadini?

La successiva riunione di Commissione mensa, per dimenticanza o sbadataggine, fu convocata bypassando la Commissione tecnica, che era stata approvata nella riunione precedente e senza ordine del giorno nonostante lo avessimo chiesto svariate volte nelle 2 settimane antecedenti. Abbiamo notato subito l’assenza della Dott.ssa Princigalli, che veniva sostituita dall’assessore Mochi, mentre l’assessore Botti che sedeva al posto del sindaco veniva affiancata al posto del vice sindaco dalla Dott.ssa Covacci del Sian ASL RM/F, un tenore ben diverso dal relax dell’anno precedente. Le argomentazioni che avevamo fornito erano più che tangibili quindi ci aspettavamo delle risposte concrete, invece l’assessore Botti ci comunicava che aveva ricevuto una nota dalla Dott.ssa Princigalli che criticava la Commissione mensa per essere andata oltre il suo ruolo e il proprio perimetro lavorativo, dichiarando come la Commissione mensa stesse assumendo un ruolo di inquisizione e sottolineando il fatto che il comune è già sottoposto a tutti i controlli sulle proprie azioni e che la Commissione mensa è una istituzione facoltativa e non obbligatoria.

Ora lascio a voi il libero arbitrio di valutare cosa intendesse la Dott.ssa Princigalli, sta di fatto che non si è riusciti nemmeno a condividere il verbale della riunione precedente poiché il Comune non vuole accogliere le richieste legittime e di specificare una dichiarazione di quel giorno nel verbale stesso, solo perché probabilmente “infastidisce”. Inizia la discussione vera e propria e l’assessore alla Pubblica Istruzione esprimeva, come suo parere, che la vicenda della muffa nella cucina e nella dispensa della scuola di “Scalo” non doveva essere gestita come è stato fatto da parte dei genitori di Commissione Mensa, in quanto il Comune era al corrente della situazione. Cosa? Voi siete al corrente e non avete fatto nulla? (ndr) E continua: “per effettuare l’intervento aspettava che finissero le piogge e si liberassero gli operai comunali oberati da altri interventi di maggiore gravità”.

Cosa c’è di più grave della salute dei nostri figli? C’è stato un terremoto e non ne siamo al corrente? (ndr); pertanto a suo parere (ed è una figura istituzionale a dirlo quindi ancora più grave) non si doveva fare una denuncia alla ASL bensì chiamare al telefono l’Ufficio P.I. chiedendo di risolvere il problema ed inviando un verbale più “tranquillo” al Comune dato che si sta in Commissione per collaborare. L’ultima affermazione condivisa niente popò di meno che dalla Dott.ssa della ASL!!!! Dall’incredulità si passa allo sbalordimento di fronte alle pretese dell’assessore alla P.I. che era arrabbiato in merito alla denuncia della muffa alla scuola di Scalo. Ho ribadito che le modalità utilizzate dai membri di C.M. genitori dopo un sopralluogo (addirittura ci si è fermati a sottilizzare che “tecnicamente” la parola “sopralluogo” scritta nel verbale è inadatta in quanto tale termine spetta agli Ispettori della ASL, senza invece soffermarsi sulla estrema gravità di quanto riscontrato in quella mensa!) non sono condizionabili da nessuno, quantomeno da chi, dovendo assicurare l’igiene e la pulizia dei locali di sua proprietà non fa nulla per 5 mesi. Ritenendo la cosa gravissima i genitori di C.M. che hanno eseguito l’ispezione hanno inviato immediatamente il verbale dell’ispezione al Comune specificando di aver inviato denuncia/esposto alla ASL senza attuare “tattiche da Sherlock Holmes” come invece la nota letta in riunione accusava.

In tutto ciò si evince, la contraddizione di questa amministrazione disgregata e pasticciona che, da un lato dice di essere a conoscenza della problematica (senza però aver posto rimedio alcuno e nascondendo il fatto ai genitori che mandano i figli a mangiare cibo che viene stoccato in una dispensa coi muri pieni di muffa e cucinato in una cucina con il nero fino al soffitto) e dall’altro chiede ai genitori di “avvisare telefonicamente l’addetto della P.I. per far provvedere al ripristino delle condizioni igieniche di dispensa e cucina”!! Ma se già lo sai che ti devo chiamare a fare visto che per 5 mesi non hai fatto nulla? Denuncio all’ente competente, la ASL che interverrà sicuramente in maniera tempestiva o no? Ebbene NO! Alla sdegnata domanda su come mai la ASL abbia atteso 20 giorni per ispezionare quella mensa, (gli stessi utilizzati dal Comune per sistemare tutto con l’utilizzo degli operai comunali) ci è sempre stato detto, anche quando si manifestava l’idea di far smontare le gronde pericolanti della scuola di Monte Le Forche, che gli operai comunali non possono effettuare questo genere di lavori i quali sono stati effettuati fra il 17/2/2015 ed il 9/3/2015 e non perché le piogge erano terminate!!!!

E che coincidenza che gli operai comunali oberati si siano liberati proprio in quel periodo!!! la Dott.ssa Covacci rispondeva con voce calma che lasciava trasparire la sua superiorità intellettuale sull’argomento, che il suo ente dispone di 30 giorni per effettuare l’ispezione. Forse per lei una mensa invasa dalla muffa da mesi ha la stessa priorità di una mattonella fuori posto!!! Ma le assurdità che ho dovuto ascoltare sotto forma di risposte non sono finite qui…. I signori della PI si sono anche molto risentiti del fatto che siano stati addirittura affissi per il Paese dei manifesti riguardanti la suddetta problematica, che qualcuno abbia capito l’importanza e la gravità dei fatti avvenuti, e quel qualcuno sia il Movimento 5 Stelle. Mi pare chiaro che tutto ciò dimostri per l’ennesima volta quanto questa amministrazione sia poco avvezza al confronto coi cittadini e mai disposta ad un passo indietro ammettendo le loro mancanze. A distanza di un anno è naufragata anche l’ultima speranza di vedere il regolamento mensa cambiare dato che quella bozza, raffazzonata e composta lo scorso anno in fretta e furia escludendo volutamente chi voleva lavorare alla sua nuova stesura e addirittura aveva presentato una petizione di 60 firme, si è scoperto non essere più in linea con le leggi vigenti.

Il tutto si è purtroppo concluso in un deludente confronto senza risposte e programmi concreti per il futuro. L’unica soddisfazione è stata dimostrare al Comune che i genitori sono delle persone serie, pensanti e concrete, e che forse, la sudditanza incondizionata si avvia al termine.

Massimiliano De Rosa per Comitato Anguillara in Movimento