11 dicembre 2016

Oxi alla tirannia della finanza europea, sì all’Europa dei popoli

In Grecia ha vinto l’Oxi alla tirannia della finanza europea, il si alla Europa dei popoli. Nella culla della filosofia si è rafforzato il pensiero del primato della politica sull’economia. Legittimamente e democraticamente il popolo greco è tornato ad essere padrone del proprio destino. In un momento dove era facile avere paura della paura, i greci non si sono lasciati condizionare dai ricatti dei poteri forti capitanati dalla Merkel ed anzi hanno messo il terrore in loro, pochi ricchi burocrati e speculatori finanziari.

Una vittoria netta ma molto travagliata. Dai politici nostrani filo renziani per passare ai mezzi di comunicazione italiani e non, è partita una campagna denigratoria della scelta di Tsipras di dare al popolo l’ultima parola su una decisione chiave per il proprio futuro.

Panorama ha messo sulla propria copertina Varoufakis e Tsipras con dei nasi da saltimbanco, chiamandoli pagliacci. Il premier Renzi, che a differenza di Tsipras non è stato eletto in parlamento, in preda, forse, ad un delirio di ignoranza dei fatti mista a misticismo personale, ha dichiarato “Noi abbiamo fatto la riforma delle pensioni: ma non è che abbiamo tolto le baby pensioni agli italiani per lasciarle ai greci eh!”.

Atti che denotano una mancanza di rispetto verso i greci, una presunzione di superiorità puerile nonché la malafede di spacciare bugie come verità.

Nessuno ha detto a Renzi che in Grecia si va in pensione come in Germania e che anno dopo anno, i greci andranno in pensione sempre più tardi? Chi dice che in Grecia ci sono troppi dipendenti pubblici è un bugiardo. In Germania i dipendenti pubblici rappresentano l’8% della forza lavoro, in Francia il 10%: in Grecia sono meno dell’8%…

La Merkel, quando Tsipras ha messo sul tavolo una nuova proposta, dopo che l’FMI ha affermato che il debito pubblico greco va ristrutturato, in maniera isterica ha chiuso ogni negoziato. Cosa hanno fatto i vari Hollande e Renzi?

Invece di dire cara Angela la Germania si tira fuori ma la Francia e l’Italia no, perché non vogliono che il popolo greco muoia di fame, schiavizzato dal dio denaro, si sono accodati come cagnolini in attesa di biscottino.

Strano, perché sia l’Italia sia la Francia presentano criticità simili a quelle greche. Chi è la Germania per imporre al resto d’Europa il proprio comportamento? Quattro giorni va Juncker, presidente della Commissione Europea, per soli 60 milioni di euro ha fatto saltare l’ennesimo tentativo di accordo offerto dalla Grecia.

Draghi è stato semplicemente vergognoso perché di fatto ha costretto alla chiusura le banche elleniche, con il chiaro intento politico (la BCE non dovrebbe essere super partes?) di creare il panico per abbattere l’Oxi. Domani Draghi dovrà smentire se stesso, perché dovrà garantire la liquidità delle banche…

I sondaggisti hanno dato letteralmente i numeri, perché davano un pareggio tra il si ed il no. Ancora dopo la vittoria del no, dalla Germania si urla che Tsipras ha tagliato i ponti con l’Europa. No cari tedeschi, i greci hanno tagliato le torri d’avorio dove i vostri amici ricchi speculatori finanziari sguazzano. Hanno fatto capire che il popolo è sempre l’ultimo ed unico sovrano. Si chiama democrazia e dove se non in Grecia poteva essere ribadita questo concetto?

Questo referendum ha dimostrato che l’euro è una moneta così forte che è bastata l’ombra della dracma per far emergere che ha piedi d’argilla e che è stato costruito sul sangue dei popoli che l’hanno adottato. Riflettiamo!

L’Europa che ci hanno imposto e fatto conoscere negli ultimi quindici anni è morta nelle urne greche. Oxi ai governi scelti non dal popolo ma dalle banche e dai salotti finanziari! Questo modello europeo e di moneta sta implodendo e non andrà avanti.

Come ha detto Papa Francesco questa economia uccide. Bisogna cambiare tutto, mettendo l’uomo al centro dell’azione statale e sancendo il primato della politica sull’economia. I soldi non sono e non devono essere un ideale, il valore supremo. Ogni donna e uomo ha diritto di vivere dignitosamente la propria esistenza e andassero in malora coloro che temono le reazioni dei mercati.

Nessuno deve rimanere indietro e democrazia non è fare primarie farlocche. E’ far decidere il popolo e rispettare sempre le sue scelte. Basta con le deleghe ad uomini che non hanno mai vissuto un giorno da comune cittadino.

I mercati dovranno essere al servizio degli stati e non viceversa. Ai banchieri non deve essere più permesso di fare scelte politiche. I greci non hanno avuto paura. E’ stata premiata l’onesta di Alexis e bocciata l’arroganza di Angela.

La Grecia vuole rimanere nell’euro; chi la vuole cacciare?

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 6000 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.