4 dicembre 2016

Conosciamo il Vespa Club San Giorgio a Cremano Sciame del Vesuvio

La Fmi abbraccia un nuovo moto club, il Vespa Club San Giorgio a Cremano Sciame del Vesuvio. Dal febbraio di quest’anno, infatti, all’ombra del Vesuvio un gruppo di appassionati della mitica creatura dell’ingegner Corradino D’Ascanio ha deciso di riunirsi per condividere sotto l’egida della Fmi il proprio amore: “La Vespa – dice il Presidente Raffaele Di Pierroè sinonimo di libertà e permette di svincolarsi e muoversi senza lacci e lacciuoli; è soprattutto pura adrenalina! Il nostro gruppo di amici ha deciso di creare un club a trazione vespista perché vediamo in lei un simbolo di amicizia e di unione. Nel mio box c’è una Rally 200 del 75, una T5 dell’84 ed una VNB1 125 del ‘ una 180 del ‘59. Di solito esco con la Rally perché ha tra le sue peculiarità la sportività; inoltre è molto affidabile. La nostra prima uscita ufficiale è stata il 19 aprile ed ha avuto come meta il Parco del Grassano, location ricca di verde e curve che ha esaltato le emozioni di guida che solo una Vespa è in grado di regalare. Per il prossimo futuro stiamo lavorando alla programmazione di una serie di eventi che avranno come scenario i luoghi più suggestivi della Campania; nostro intento è aggregare per vivere al meglio la propria passione. Chi ha voglia di unirsi alle nostre uscite, può raggiungerci nella sede di San Giorgio a Cremano o contattarci attraverso la pagina Facebook, e ricordate chi Vespa mangia le mele!”.

Andrea Maddaloni è un po’ l’anima meccanica del club: “Nella – spiega – vita di tutti i giorni mi occupo di telefonia mobile ma appena posso mi diverto a smontare e rimontare le Vespe. Posseggo una 90L del ’67, una 180 del ’65, una ET3 del ’77 ed una 300 GTS che scherzosamente gli amici definiscono frullatore….La Vespa è simbolo di unione e amicizia e ci piacerebbe girare l’Italia intera in sella alle nostre amate”.

Daniele Sangiovanni è stato tra i primi a credere nel nuovo progetto: “Mi piace – svela il socio fondatore – la filosofia di base del club, l’amicizia. Mi divido tra una Rally 180 del ’68, una ET 125 dell’80, ed una Special 50 del ’72. Ognuna di esse mi permette di vivere emozioni forti e spero che il mito della Vespa continui ad essere più forte del trascorrere del tempo”.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5936 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.