7 dicembre 2016

Ladispoli – M5S: “Procede la cementificazione a danno dei cittadini.”

Tutti i cittadini di Ladispoli devono sapere che l’operazione che in questi giorni l’Amministrazione sta mettendo in atto si configura, a nostro avviso, come un illecito ed un abuso della normativa.

Di fatto un progetto come quello del vecchio campo sportivo di Ladispoli, deliberato nella seduta di Giunta Comunale del 4 giugno 2015, che prevede di costruire nell’area del campo sportivo del Cerreto villette a schiera e un mega centro commerciale contrasta con quella che è la normativa vigente. Secondo la normativa (Legge Regionale n° 38 del 1999) una variante essenziale come quella proposta, ovvero una destinazione d’uso diversa da quella che si era stabilita, deve essere ricompresa nel piano regolatore e non può essere realizzata solo con decisioni dell’amministrazione. Ora, tanto nel vecchio, che nel nuovo Piano Regolatore Generale, in corso di approvazione ormai da anni a Ladispoli, questa è un’area adibita a servizi e a verde pubblico e quindi, prima di cambiare la destinazione deve essere variata la sua destinazione in seno al piano urbanistico. Gli stessi programmi integrati di intervento puntano a promuovere iniziative pubbliche e private per migliorare la qualità urbana e la dotazione di servizi e infrastrutture ai quartieri che ne sono carenti.

Dovrebbero essere uno strumento di attuazione al Piano Regolatore Generale, e non un modo per eluderne i vincoli e favorire le imprese edilizie. (Legge n° 179 del 1992 e Legge Regionale n° 22 del 1997, n. 22) Tutto questo l’amministrazione Paliotta non lo sta facendo operando fuori dalla normativa vigente. Ci rivolgiamo al Sig. Sindaco chiedendogli quali sono i passaggi che hanno portato un’area, donata dalla Sig.ra Giacinta Martini Marescotti alla Società Sportiva di Ladispoli, con il vincolo di rimanere area da adibire ad attività sportive e di pubblica utilità, a divenire proprietà privata su cui ora si vogliono costruire case e l’ennesimo centro commerciale. Inoltre vorremmo sapere dal Sig. Sindaco, visto che l’approvazione del progetto è motivata per risolvere la “carenza generale del sistema infrastrutturale e degli standard urbanistici stabiliti dal D.M. 1444 del 1968” di cui soffre il Comune (tale decreto prevede che per ogni abitante vi siano 18 m2 di strutture di servizio come giardini, scuole, aree sanitarie), come pensa di risolvere tale deficit se il progetto aumenterà, con le nuove case costruite, il numero di abitanti, riducendo ancora di più quegli standard? La giunta Paliotta sostiene che a Ladispoli ci sia bisogno di nuove abitazioni, al contrario, i dati in nostro possesso ci dicono che ci sono case vuote o invendute per altri 30.000 abitanti.

I cittadini di Ladispoli chiedono quali sono stati i travagli politici che hanno portato l’amministrazione Paliotta a contraddire quanto perorato da sempre (vedi verbale del Consiglio Comunale del 18 marzo 2008) avvallando il solito progetto di speculazione che favorirà pochi ed i cui costi urbanistici ricadranno sull’intera popolazione. Proprio nella citata seduta pubblica del 18 marzo 2008 le parole del Sindaco, seguite dal coro della maggioranza, furono inequivocabili: “abbiamo l’obiettivo di liberare l’attuale sede del campo sportivo e di ridarlo al quartiere, di ridarlo alla città in termini di servizi. Servizi intendo parcheggi, giardini e quant’altro possa servire in quella zona” Si ricorda, sindaco Paliotta, di aver detto queste testuali parole? Infine facciamo tutti insieme un’ultima riflessione sull’amministrazione di Ladispoli.

Già da tempo i cittadini hanno la consapevolezza di essere amministrati da un gruppo di pochi che da sempre gestisce la città, e il tutto ci appare più come una signoria feudale che come una democrazia; sono esempio di questo i passaggi di potere da padre in figlio dei politici ladispolani che abdicano il loro potere nelle mani del figli investendoli del loro stesso ruolo amministrativo (cariche che andrebbero affidate in trasparenza, in base ai CV, come già fanno tutti i comuni a 5 stelle). Ora fin qui si potrebbe rientrare in una normale gestione politica della città, anche se noi cittadini un’idea ce la siamo fatta, tuttavia proprio sul caso del campo sportivo, ci chiediamo se non si sia andati oltre palesandosi un evidente conflitto di interessi. Ci riferiamo al fatto che l’Amministratore della società Piazza Grande SRL, proponente il progetto, sia sorella del Consigliere Piero Ruscito, eletto nel centro-destra, ma da poche settimane entrato in maggioranza. La stessa maggioranza che difende a spada tratta questo progetto e che in consiglio comunale dovrà esprimersi sulla sua ammissibilità. Sappiamo Signor Sindaco che Lei si è lamentato in consiglio Comunale che siamo cittadini che fanno troppe domande; forse Lei preferisce cittadini dormienti che non si preoccupano di quello che fa la Sua amministrazione; siamo però sicuri che Lei ci spiegherà tutte le motivazioni e ci fornirà tutti i chiarimenti in proposito.

Noi come Movimento 5 Stelle, di fronte a tante inadempienze, non possiamo far altro che chiedere le Sue dimissioni e di tutta la giunta comunale per effettiva incapacità di amministrare per il bene di tutti i cittadini. Continua…

Il Movimento 5 Stelle – MU di Ladispoli