11 dicembre 2016

Ladispoli – Cementificazione, l’amministrazione risponde al Movimento 5 Stelle

In un recente articolo pubblicato sulla rete il Movimento Cinque Stelle di Ladispoli ha scoperto la causa della crisi edilizia che ha colpito l’Italia da quasi dieci anni:la colpa è di un progetto del Comune di Ladispoli che prevede la trasformazione urbanistica dell’area dell’attuale Campo sportivo.

Per quanto incredibile il comunicato dice proprio così: le case a Ladispoli valgono meno perché c’è questo progetto in corso.

Per la verità, volendo ragionare seriamente, la crisi edilizia c’è in mezza Europa (in Italia in particolare) da almeno otto anni e, sempre per stare ai fatti e alle cifre reali, a Ladispoli sicuramente il mercato degli immobili è in affanno ma meno di altre località del comprensorio.

Basta chiedere alle agenzie di affitto o di vendita e si vedrà che il mercato immobiliare di Ladispoli ha retto come pochi altri centri della provincia di Roma. E’ un dato oggettivo causato sicuramente da vari fattori, a cominciare dalla vicinanza con Roma e dalla facilità dei collegamenti, ma nel quale c’entra anche il grande sviluppo dei servizi che si è verificato a Ladispoli negli ultimi 20 anni.

A chi ha poca memoria vogliamo ricordare che negli ultimi otto anni sono state costruite sette scuole (dall’asilo nido all’alberghiero), parcheggi, ponti, impianti sportivi (tra cui appunto il nuovo stadio in via di ultimazione), centro di aggregazione giovanile culturale per i giovani.

Una città si giudica dai suoi servizi pubblici e privati e Ladispoli è sicuramente la città più dinamica nell’area a nord-ovest di Roma.

Tutto questo mentre le entrate per la legge Bucalossi, quelle che sono il segnale di quota per l’edificazione, sono passate in dieci anni da tre milioni di euro a 250mila l’anno: praticamente ci sono ormai non più di due o tre piccoli cantieri privati all’anno. Altro che cementificazione: l’edilizia privata è ormai quasi inesistente mentre sono attivi cantieri per opere pubbliche e servizi.

Detto questo torniamo alle fantasiose ed inesatte argomentazioni dei Cinque Stelle che parlano dell’attuale Campo sportivo e dei progetti futuri.

Per essere precisi e dare una corretta informazione ai cittadini, esaminiamo la questione punto per punto:

  • L’area sulla quale sorge l’attuale Campo sportivo NON è stata donata alla collettività dal Marescotti nel 1550 ma ai titolari della società sportiva.
  • L’area NON è MAI stata pubblica, ma sempre di proprietà privata anche se destinata ad eventi pubblici, oltre che privati.
  • L’area è stata venduta dai proprietari della società sportiva a soggetti privati per sanare il bilancio della US Ladispoli.
  • Una volta che sarà ultimato il nuovo stadio che il Comune sta realizzando, l’US Ladispoli potrà partecipare al bando per la gestione e spostare le sue attività di campionato ma l’elevato numero di giovani che praticano il calcio con la società, partecipando a vari tornei, richiede una secondo campo di calcio, soprattutto per gli allenamenti.
  • Il progetto presentato al Comune prevede che il proprietario dell’attuale campo di calcio realizzi un secondo campo di calcio vicino a quello in costruzione , attrezzi nell’area vicina alla stazione una piazza con giardini di 4 mila metri quadrati (più grande di piazza Rossellini), un parcheggio ad uso pubblico per 250 auto (più parcheggi di quanti ne sono stati realizzati nel parcheggio di scambio dalla Provincia).
  • Il progetto, dopo il voto del Consiglio Comunale, sarà inviato alla Regione, a cui spetterà la decisione definitiva. Tutto questo sta seguendo l’iter di legge: il Movimento Cinque Stelle non ha ancora sostituito altre autorità alle quali spetta il dovere di giudicare se ci sono “illeciti o abusi della normativa”.
  • In cambio del costo delle opere e della cessione all’uso pubblico delle aree (il 60% dell’attuale area) il proprietario potrà realizzare alloggi per 180 persone e negozi.

Alla fine dell’operazione, se il progetto sarà approvato dal Consiglio Comunale, il quartiere avrà la sua piazza (proprio di fronte alla chiesa), e ci saranno molti parcheggi e verde più di ora. Il tutto senza alcuna spesa per la collettività. Considerate le risorse dei Comuni, c’è solo un’alternativa: che tutto rimanga come è ora. Se infatti il Comune dovesse espropriare l’area e realizzare tutte le opere, compreso il secondo campo di calcio, servirebbero almeno 4 milioni e 500 mila euro, cifra del tutto impossibile per il bilancio.

Quello che abbiamo promesso in Consiglio Comunale lo stiamo realizzando: una grande piazza, parcheggi e servizi. Su questo sentiremo anche il parere dei residenti del quartiere, visto che non sono certo altri partiti a poterci dare lezioni di democrazia.

Ma forse, per qualcuno, che pensa ai voti piuttosto che allo sviluppo e alla riqualificazione della città, interessa proprio che le cose rimangano come sono.