11 dicembre 2016

Roma – Atac, Stefáno: “Cittadini e lavoratori non devono sopportare i danni causati dalla politica e dalla dirigenza.”

Come molti cittadini romani in questi giorni sto vivendo i disagi del trasporto pubblico, in particolare le linee di metropolitana e le ferrovie regionali. Capisco quindi le difficoltà e i disagi che ricadono ancora una volta su noi “normali” pendolari che chiediamo semplicemente di raggiungere in maniera dignitosa il luogo di lavoro o di studio.

Mi sento comunque vicino ai macchinisti che in questi giorni stanno protestando chiedendo alla società, semplicemente di essere messi nelle condizioni di svolgere al meglio il servizio. Negli ultimi dieci anni ATAC ha sperperato centinaia di milioni di €, sottoscrivendo contratti derivati, obbligazioni zero coupon, trasferendosi i una mega-sede, del tutto inutile, e ancora commercializzando i biglietti falsi. Molti dei dirigenti che sono stati tra gli autori di tali disastri sono ancora al loro posto con stipendi tra i 100milla e 200mila € annui e alcuni sono stati anche rinviati a giudizio per la vicenda Parentopoli.

Ma come recentemente ha dimostrato in uno suo studio l’ISTAT, i problemi dell’azienda sono ben altri: carenze infrastrutturali che pongono Roma lontano anni luce anche da Milano, Torino e Napoli. Scarso numero di bus, la metà dei quali fermi per mancanza dei pezzi di ricambio e con un’età media che supera di gran lunga i dieci anni. Scaricare le colpe di tutto questo sui lavoratori, personale viaggiante in primis, è un pò come dire che il proprietario di un ristorante in cui i clienti si lamentano per il cibo scadente e la poca varietà del menù, decide di risolvere i problemi pagando di meno i camerieri e facendoli lavorare di più.

In tutto ciò dobbiamo tristemente registrare la gravissima assenza del Sindaco Marino e dell’Assessore Improta, evidentemente impegnati in altre vicende.

About Emanuele Bompadre 8294 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.