8 dicembre 2016

Calcio – La conferenza stampa di Sinisa Mihajlovic

Si è svolta questa mattina, a Casa Milan, la conferenza stampa di presentazione del nuovo tecnico rossonero Sinisa Mihajlovic:

“Per me è una grande soddisfazione essere qua oggi, ho vissuto tante prime volte, ma questa mi regala sensazioni particolari, perché l’organizzazione, l’ambiente, l’ambizione, il clima ti fa capire che il Milan è un Top Club mondiale e quello che ho visto me lo sta confermando. Vorrei ringraziare il presidente Berlusconi e il dottor Galliani per avermi scelto, questo per me è motivo d’orgoglio, e arrivarci per uno che non ha fatto la storia del Milan è una motivazione ancor più importante. Farò di tutto per ricambiare la loro fiducia. Veniamo da un paio di stagioni difficili e faremo di tutto per far tornare a gioire i nostri tifosi. La Società si sta muovendo benissimo sul mercato. Visto che il presidente Berlusconi è molto generoso con me e mi accontenta su tutto, non posso che essere contento. Non c’è un progetto più ambizioso e stimolante di questo, in Italia. Al Milan non puoi volare basso, sei destinato a pensare in grande. In campo non basta solo il nome. Il nome va protetto, difeso e portato in orgoglio”.
“Non ho ancora senso di appartenenza, è presto per quello. Ai miei giocatori racconterò quanta paura e rispetto le maglie del Milan hanno sempre saputo incutere nei propri avversari, lo stadio del Milan deve tornare un inferno. Per vincere a San Siro, una squadra non dovrà essere solo più forte tecnicamente, ma soprattutto caratterialmente e questo sarà difficile. Ho visto la frase del fondatore, Herbert Kilpin. Per riuscirci, dobbiamo lavorare duro, dimenticare le amarezze del passato ed essere fiduciosi. Tutti, i tifosi, la Società, Staff, i dipendenti, se saremo tutti uniti quest’anno possiamo toglierci delle grandi soddisfazioni”.
“El Shaarawy, Cerci e Bonaventura sono tutti giocatori di qualità, italiani e importanti. Il giocatore di qualità lo puoi mettere sempre e si può adattare a qualsiasi ruolo. Come caratteristiche El Shaarawy è un esterno, ma lo possiamo provare come centrocampista, come interno, parlando con il ragazzo mi ha dato piena disponibilità. Cerci anche lui è un esterno però con Ventura ha fatto la seconda punta. Bonaventura può coprire tutti i ruoli, certamente può darti il meglio come trequartista. Menez può fare sia il trequartista che la seconda punta”.
(Foto Studio Buzzi)

www.acmilan.com

 

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5982 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.