3 dicembre 2016

Calcio – Ostiamare, Chinapah, Cabella e Palotti al Bari, tre talenti biancoviola volano nei professionisti

L’ Ostiamare si conferma, ancora una volta, fucina di campioni. La Società biancoviola continua a sfornare ragazzi pronti a giocarsi le proprie carte tra i professionisti e proprio in questi giorni altri tre giovani talenti lidensi stanno per iniziare una grande avventura calcistica, nelle file del Bari, grazie alla crescita importante avuta all ‘Anco Marzio.

Parliamo, nello specifico di Andrea Cabella, il direttore d’orchestra, e Samuel Chinapah, funambolico e imprendibile folletto, due dei Campioni Regionali del ’99 di mister Ranese che, dopo aver dominato e vinto il proprio girone, sono risultati poi trionfatori nella categoria Allievi Fascia B Elite al termine della finalissima di Cerveteri contro la Nuova Tor Tre Teste e di un bomber dei 2000, Francesco Palotti, che sotto la sapiente guida di mister Cabriolu, ha incantato con le sue prodezze sul prato di Via Amenduni, andando a segno per 14 volte nel torneo regolare.

In attesa di vivere e seguire con l’abituale passione le grandi emozioni calcistiche che questi ragazzi sapranno regalarci in terra pugliese, ecco le loro parole, di ringraziamento verso l’ Ostiamare, e naturalmente di trepidante attesa per la nuova avventura. Ad aprire è proprio Andrea Cabella, in biancoviola dalla stagione 2013-2014, uno che nonostante l’età sembra già un Prof. con la palla al piede lì nella zona mediana:
Solo due anni fa sono arrivato all’Ostiamare con la voglia di giocare il piu possibile ed ho avuto la fortuna di incontrare un grande mister, grandi dirigenti e un ottimo gruppo che mi hanno accompagnato nel processo di crescita e nella preparazione tecnica per raggiungere questo primo traguardo. Quest’anno ho fatto parte della squadra vincitrice nel Lazio e sono orgoglioso dei miei compagni e del duro lavoro che abbiamo fatto per arrivare a vincere il titolo . Sono certo che anche senza me e chinapah i nostri compagni sapranno farsi benissimo valere dentro il campo . Ringrazio vivamente la societa ed i dirigenti per questa opportunita e posso dire che ce la metteró tutta per farmi valere anche in un campionato di livello superiore . Un saluto speciale anche al tifo dell’Ostiamare ed al nostro addetto stampa per averci sempre seguito durante l’anno”.

Gli fa eco Samuel Chinapah, che quest’anno ha terminato la terza annata all’ Anco Marzio, e che ha mostrato subito grandi doti tecniche e di corsa. Un peso specifico che non è passato inosservato alle squadre professionistiche e, in particolare, al Bari, che ha deciso di puntare su di lui:
Vorrei partire dall’inizio, dalla fantastica avventura iniziata tre anni fa. Dapprima con il mister Greco il primo anno e poi soprattutto con mister Ranese gli anni successivi penso di aver imparato molto sia dentro che fuori dal campo e per questo è doveroso ringraziarli con tutto il cuore. Quest’anno posso dire con orgoglio di essere stato un giocatore del gruppo dei ’99 dell’Ostiamare: un gruppo fantastico, unito, che ha dimostrato partita dopo partita di essere il migliore arrivando fino in fondo e conquistando il titolo Regionale. La chiamata del Bari mi ha ripagato degli sforzi fatti e sono pronto a vivere al massimo questa esperienza che sicuramente mi aiuterà ancor di più a crescere. Devo ringraziare la società per aver reso possibile tutto questo. So’ di certo inoltre che i miei compagni di squadra sapranno fare un campionato ai vertici anche quest’anno dimostrando ancora una volta di essere i più forti e anche se da lontano li tiferò e li seguirò vivamente, Avanti ragazzi !.

La chiusura è per il più piccolo dei tre, ma solamente di un anno. Francesco Palotti, classe 2000, uno che parla a suon di gol e che, in questa sua prima annata all’Ostiamare, chiusa positivamente, ha fatto davvero cose egregie, meritando questa chance:
Per me quest’anno è stato il primo all interno di una grande squadra come l’Ostiamare. Ho trovato un gruppo molto unito,che mi ha accolto molto bene e con il quale ho trovato subito grande intesa. Desidero ringraziare tutti coloro che si sono dedicati a noi con molto entusiasmo ed impegno e ci hanno accompagnato nella nostra crescita sul campo ma anche al di fuori: il mister Cabriolu, Pino il nostro accompagnatore e sostenitore, tutto lo staff medico (Agnese ed Adel) che mi hanno curato quando ero infortunato, Riccardo il nostro addetto stampa che ha fatto sempre degli ottimi articoli e delle belle foto. Ora mi preparo per questa nuova emozionante avventura, tra i professionisti, con i quali mi confronterò cercando di proseguire questa crescita iniziata all’Ostiamare: ringrazio perciò la Società lidense che ha reso possibile tutto questo. Avrò sempre nel cuore i miei ex compagni di squadra che ringrazio per avermi aiutato a raggiungere questo obiettivo è tiferò sempre per loro. Un grande saluto a Maurizio Gaggini, il papà di Gianluca, che mi ha sempre incitato a dare il meglio di me stesso…e qualche volta minacciandomi anche con un ombrello (ridendo, ndr)!!!. Avanti Ostia e un in bocca a lupo per la prossima stagione! “

A tutti e tre, dunque, un grande in bocca al lupo da parte dell’ Ostiamare tutta, affinchè la crescita avuta in biancoviola grazie ai tecnici Ranese e Cabriolu e ai loro collaboratori, possa proseguire a livelli sempre maggiori, e che questa esperienza al Bari sia portatrice di grandi soddisfazioni umani e professionali, sempre col biancoviola nel cuore. Forza ragazzi, Avanti Gabbiani!

Riccardo Troiani