7 dicembre 2016

Passo della Sentinella – Velli: “Qualcuno si deve prendere le responsabilità davanti ai cittadini”

Basta chiacchiere, basta prese in giro, fuori gli attributi. La situazione è diventata insostenibile: è ora che qualcuno si assuma le proprie responsabilità davanti alla cittadinanza…

La verità è ben altra e interessa altre due grandi questioni del nostro territorio: esondazione e borgo di Fiumara grande. I politici, “giustamente”, si guardano bene dal prendere posizioni ferme preferendo come sempre linee ambigue…

Senza porto turistico, quella strada di accesso non servirebbe, e senza quella strada di accesso il fantomatico problema esondazione rimarrebbe anche  se le ultime indiscrezioni parlano di una diversa funzione di quella strada, non più come argine.  In tutto questo caos, trasformato in un intrigo internazionale, sono rimasti fuori i residenti del borgo di Fiumara Grande che da alcune interviste rilasciate dall’assessore di turno in regione saranno delocalizzati in una zona lì vicino, in un terreno di centinaia di ettari che fino ad ora si è salvato e che, se svincolato, permetterà a qualche big ulteriori colate di cemento in area sotto tutela.  ….non voglio pensare che dietro a tutto questo ci sia un disegno studiato a tavolino ma oramai i dati sono certi, e le domande sono diverse:

Come mai non si riesce a trovare una soluzione alternativa alla delocalizzazione dei residenti di Fiumara Grande?  Come mai nessuno parla di quei 120 ettari vincolati che potrebbero essere distrutti dal cemento?  …A queste domande sarebbe interessante ricevere delle risposte esaustive una volta per tutte: noi ci siamo stancati.  Chiedono partecipazione, dialogo e nuovi patti amministrazione-cittadini, ma alla fin fine le decisioni vengono sempre prese senza ascoltare la cittadinanza.

Da parte nostra ci sarà, oltre alla critica, anche la massima disponibilità per perseguire e trovare soluzioni che siano vicine alle esigenze di una popolazione e di un territorio ormai massacrato” Per quanto possa sembrare incredibile in uno stralcio di un’ intervista del 14 settembre 2012 a Massimiliano Chiodi, prima che nel 2013 venisse eletto come consigliere comunale di maggioranza con l’amministrazione Montino intimava “Fuori gli attributi vogliamo risposte vicine ai cittadini”.

Quello che davvero è incredibile non sono tanto le dichiarazioni rilasciate 8 mesi prima delle elezioni, ma il fatto che al consigliere Chiodi siano bastati 2 anni con Montino per dimenticarsi delle dichiarazioni e delle promesse fatte ai cittadini, e ubbidire agli ordini di voto del suo Sindaco senza fiatare. Come giustifichera’ il suo voto favorevole a Montino ed alla sua soluzione delocalizzare gli abitanti e cementificare quelle zone che solo 2 anni fa difendeva?

Fabiola Velli

Portavoce m5s Fiumicino