5 dicembre 2016

La coppia Palmulli/Carabella di nuovo in strada, 50 chilometri per dare sostegno agli italiani

Ancora chilometri, ancora fatica e ancora sudore. Questa volta la coppia Claudio Palmulli e Simone Carabella correranno per dare sostegno, per catalizzare l’attenzione di tutti e dei media su una tendopoli, una tendopoli famiglie italiane che a causa della crisi hanno dovuto abbandonare quello che avevano, lasciare le proprie abitazioni e le proprie abitudini per andare a vivere in strada.

Si sono attrezzati con delle tende in via del Casale di San Nicola in un piazzale di fronte all’ ex comprensorio scolastico Socrate, un gesto plateale ma con una forte protesta alle spalle a causa dell’occupazione illecita proprio dei locali, rimessi a nuovo dall’amministrazione, della scuola.

Questa volta la coppia delle maratone ha per un attimo girato la testa dalla lotta alle barriere architettoniche per fare in modo che non solo l’amministrazione non si dimentichi dei cittadini in difficoltà, ma che tutte le persone possano in qualche modo sostenere queste famiglie mostrando un po’ di solidarietà.

“Porteremo dei viveri alle famiglie e ai bambini che sono li, – dichiara Simone Carabella lo facciamo non per farci dire bravi, ma per mostrare solidarietà, quella solidarietà che ha sempre contraddistinto il popolo italiano e che forse oggi si sta perdendo, porteremo sulle nostre magliette lo slogan Aiutiamo prima gli italiani e poi gli altri, questo non significa essere razzisti nei confronti di chi, venendo da un altro paese, ha bisogno di aiuto, ma vorremmo che prima di tutto vengano aiutati i nostri concittadini meno fortunati, e purtroppo ce ne sono tanti.”

“Ultimamente ci sono piovute addosso diverse critiche – dice Claudio Palmullie diversi attacchi gratuiti sul nostro operato, vorrei ricordare a tutti che quello che facciamo lo facciamo perchè sentiamo di farlo, nessuno ci paga, nessuno ci sponsorizza e tutto quello legato alle maratone, giornate di preparazione, pianificazione le stampe delle magliette è tutto a spese nostre, ma lo facciamo con il cuore perchè sentiamo di farlo! Per noi è una mission, noi sabato vorremmo portare un sorriso e un abbraccio a chi sta peggio di noi e se ci riusciremo, allora sarà già una vittoria.”

La partenza è alle otto di mattina da Montecitorio, per poi percorrere le strade verso il XIV municipio che li porterà a via del Casale di San Nicola. Se li vedete due ragazzi uno che spinge una carrozzina scortato dai vigili, allora fategli un applauso, un saluto, un incitamento perchè ne avranno bisogno per arrivare fino alla meta.

About Emanuele Bompadre 8230 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.