4 dicembre 2016

Calcio – Lega Pro, colpo a centrocampo per la Lupa Roma, arriva Alberto Quadri

Dopo aver annunciato qualche giorno fa l’innesto di gran qualità nel reparto mediano di Gaetano D’Agostino, Alberto Cerrai mette a segno un nuovo colpo a centrocampo trovando l’intesa con il centrocampista ex Barletta Alberto Quadri.

“La Lupa Roma FC è lieta di comunicare di aver raggiunto un accordo con il centrocampista classe 1983 Alberto Quadri. Il calciatore, dopo aver risolto anticipatamente il contratto che lo legava al Barletta, sarà a disposizione di mister Cucciari a partire dall’inizio del ritiro estivo”.

Secondo innesto di grande spessore dunque nella campagna acquisti estiva della Lupa Roma che aggiunge altra qualità al centrocampo dopo l’arrivo di Gaetano D’Agostino. Alberto Quadri, centrocampista cresciuto nelle giovanili dell’Inter, può contare oltre 200 presenze in Lega Pro dal 2002 ad oggi con le maglie di Spezia, Mantova, Padova, Montichiari, Pizzighettone, Perugia, Monza, Taranto, Campobasso, Catanzaro, Mantova e Barletta. Dopo aver esordito in Serie A con la maglia della Lazio nella stagione 2006-2007 sotto la guida di Delio Rossi, vanta anche due stagioni in Serie B con Spezia ed Avellino.

Ecco la sua prima intervista da giocatore della Lupa Roma: 

Buongiorno Alberto, dopo aver disputato 31 presenze e aver segnato 1 rete con il Barletta hai deciso di sposare il progetto Lupa Roma: come sei stato convinto a scegliere questa nuova società?

“Mi ha colpito l’entusiasmo della società nella figura del Presidente Cerrai. Il Presidente, infatti, mi ha invitato a visitare il quartier generale della Lupa Roma e sono rimasto colpito dall’organizzazione di questa società e dalla voglia di fare le cose seriamente ed in modo programmatico. Sono convinto che si possa fare sport in modo positivo e poi hanno dimostrato fin da subito un grande interesse a portarmi alla Lupa Roma trasmettendomi grande fiducia. Sono contento di aver preso questa decisione e felice di poter dare il mio contributo”.

Hai esordito con la Lazio in Serie A nella stagione 2006/2007 e hai giocato in B con le maglie di Avellino e Spezia: che ricordi ti porti di queste società con cui hai toccato il culmine della tua carriera?

“L’esperienza alla Lazio è stata sicuramente una parentesi indimenticabile per me. Ero giovane e giocavo in una delle società più importanti d’Italia. E’ stato difficile per me impormi però me la porto dentro come grande esperienza di vita e di sport. Spezia e Avellino? Sono state due parentesi meno significative rispetto alla Lazio. La Serie B è molto bella, ma la categoria dove mi sono imposto è stata la Lega Pro. Ho avuto Delio Rossi come allenatore alla Lazio e posso dire che è stato un grande maestro con me. Con alcuni sono rimasto amico come Roberto Baronio e Simone Inzaghi: li ritroverò con piacere”.

Oltre 200 presenze in Lega Pro per te: cosa pensi di poter dare alla tua nuova squadra e quale obiettivo ti poni a livello personale con la Lupa Roma?

“Spero sempre di fare il meglio e mi auguro di poter superare la stagione passata. Non vedo l’ora di cominciare portando la mia esperienza, la voglia di essere considerato ancora un giocatore importante. Questa società mi ha fatto una grandissima impressione con il Presidente Cerrai che è stato fondamentale nella mia scelta. Ho grande entusiasmo e sono convintissimo di quello che ho scelto”.

Dalle parole del calciatore al commento di colui che ha chiuso personalmente la trattativa, Alberto Cerrai.

Direttore finalmente Quadri sarà un giocatore della Lupa Roma. Che ci dice?

“Appena terminato il campionato ho convocato una riunione con tutto lo staff chiedendo espressamente ruolo per ruolo di darmi una lista di atleti a loro graditi. Alberto Quadri è stato messo in cima alla lista. Ed io mi sono mosso per regalare al Mister proprio la sua prima scelta. Ho incontrato personalmente Alberto e da subito ho capito che avevo davanti un grande ragazzo. Quando si parla tra gente per bene ci vuole veramente poco a trovare un accordo. E di questo voglio dare atto anche al suo Procuratore Giovanni Bia che, cosa rara, si è comportato da persona davvero per bene. Non era semplice sostituire Capodaglio e Raffaello ma credo proprio che questo ci sia riuscito molto bene con due atleti come Quadri e D’Agostino. Il centrocampo della Lupa Roma è sempre stato un fiore all’occhiello dai tempi dell’Eccellenza e della D. Anche quest’anno credo che sia un centrocampo di primissimo piano, anzi, il migliore mai avuto. Avremo esperienza, gioventù, maturità e classe e…tanta voglia di fare bene. Sono davvero soddisfatto. In ritiro ci sarà da divertirsi. Questo è quello che ho garantito al nostro Presidente”. 

Valerio D’Epifanio